Madrid Updates: ancora una Vip Lounge stilish per Arco. Design di Izaskun Chichilla Moreno, atmosfera da suk arabo: ecco le immagini

Print pagePDF pageEmail page

La Vip Lounge di Arco, di Izaskun Chichilla Moreno

Collezionisti, galleristi, direttori di musei o semplici vip internazionali quest’anno ad Arco possono ristorarsi in uno spazio ampio e confortevole che ha il sapore di un suk arabo: tra tappeti, cuscinetti colorati e ampi sofà dislocati in ambienti diversi, divisi fra loro da pavavento pensili in legno, con gli archi polilobati tipici dell’architettura araba tanto familiare in Spagna. Da quattro anni, il concept e la realizzazione della vip lounge di Arco Madrid è affidata al vincitore di un concorso convocato dalla stessa fiera madrilena insieme con AD, rivista di arredamento che festeggia quest’anno dieci anni di pubblicazione, e con El Corte Inglés, catena di grandi magazzini di lusso sparsa in tutta la penisola iberica. La giuria del Concorso di Idee per il design della sala vip di Arco è composta da personalità di spicco del mondo della decorazione di interni, come Pascua Ortega, stilisti di moda come Ana Locking, galleristi, il direttore della rivista e l’immancabile Carlos Urroz, direttore della fiera.
L’edizione 2016 è stata vinta dallo studio di architettura madrileno di Izaskun Chichilla Moreno, architetta spagnola, classe 1975, che ha creato per la trentacinquesima edizione della fiera uno spazio flessibile, che grazie proprio alla struttura a separè può cambiare aspetto di giorno in giorno. L’arredamento, invece, è fedele alla filosofia del marchio El Corte Inglés, con oggetti semplici, versatili e moderni. L’atmosfera invita al relax, anche se, per molti, le frequenti code dovute al macchinoso sistema di pagamento di cibo e bevande non sono affatto rilassanti. Izaskun Chinchilla si è aggiudicata anche il concorso City of Dream per costruire il padiglione estivo di Governors Island, l’isolotto tra Manhattan, Brooklyn e la Statua della Libertà.

Federica Lonati

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community