Il CoBrA non è un serpente! Avanguardia nordeuropea in mostra a Roma

Fondazione Roma Museo, Roma – fino al 3 aprile 2016. Una grande mostra dedicata ai protagonisti, alla genesi e agli sviluppi di un movimento dalla forte energia creativa. Cobra è nella Capitale.

Print pagePDF pageEmail page

Karel Appel, Begging Children, 1948 - DIE GALERIE, Frankfurt am Main - © Karel Appel Foundation by SIAE 2015 per Karel Appel

Karel Appel, Begging Children, 1948 – DIE GALERIE, Frankfurt am Main – © Karel Appel Foundation by SIAE 2015 per Karel Appel

UN MOVIMENTO RIVOLUZIONARIO
Co.Br.A. è il movimento artistico nato a Parigi nel 1948 per iniziativa del pittore e teorico danese Asger Jorn, del pittore e poeta belga Christian Dotremont e dei tre pittori e scultori olandesi Constant Anton Nieuwenhuys, Karel Appel e Corneille, quest’ultimo anche poeta. L’acronimo deriva dall’unione delle iniziali delle tre capitali di provenienza dei fondatori: Copenaghen, Bruxelles e Amsterdam; lo stesso nome del rettile velenoso e aggressivo che ben si adatta a simboleggiare l’atteggiamento rivoluzionario verso il futuro.

TRA PROVOCAZIONE E FANTASIA
La retrospettiva romana percorre le tappe fondamentali della prima grande avanguardia di respiro internazionale del secondo dopoguerra, attraverso dipinti, sculture e lavori su carta. L’allestimento guida lo spettatore attraverso una serie di bande cromatiche e, nonostante il trionfo di un’impostazione collettiva, anti-specialistica e allergica alle convenzioni, a ciascuno dei protagonisti è dedicato un ambiente.
Il colore materico e la violenza del gesto pittorico testimoniano lo spirito degli artisti che aderirono al movimento, accomunati da una creatività libera e nutrita da un vibrante entusiasmo spontaneo. L’immaginario CoBrA è connotato da provocatorie figurazioni simboliche, grottesche e favolistiche, violente e gioiose, ironiche e poetiche, dominate da strane figure, volti deformati e animali fantastici.

Constant, Femme qui a blessé un oiseau avec une feuille morte, 1949 - Kunsthalle Emden - Stiftung Henri und Eske Nannen und Schenkung Otto van de Loo - © Constant by SIAE 2015

Constant, Femme qui a blessé un oiseau avec une feuille morte, 1949 – Kunsthalle Emden – Stiftung Henri und Eske Nannen und Schenkung Otto van de Loo – © Constant by SIAE 2015

DALL’ARTE ALLA POLITICA
Gli artisti CoBrA furono anche capaci di scoprire nuovi materiali e strumenti e sono stati tra i protagonisti delle avanguardie artistiche e letterarie europee, impegnati politicamente contro l’ideologia capitalistica e il conformismo della società borghese. Si opposero alla fredda razionalità dell’astrattismo, alla retorica del realismo socialista sovietico e al modernismo formalista.
Invece, l’automatismo, il fascino per la dimensione irrazionale inconscia, l’interesse per la creatività primitiva, infantile e degli alienati furono rielaborati in una inedita chiave di ricerca, stabilendo una stretta connessione con l’immaginario collettivo popolare. Considerando le interrelazioni che il gruppo ebbe con una fitta rosa di artisti provenienti da diversi paesi europei, la mostra raccoglie anche le esperienze del movimento in Germania, Gran Bretagna, Francia e Italia. A riprova dell’importante eredità espressiva lasciata da CoBrA sia in campo pittorico sia in ambito scultoreo.

Martina Adami

Roma // fino al 3 aprile 2016
Co.Br.A. Una grande avanguardia europea 1948-1951
a cura di Damiano Femfert e Francesco Poli
MUSEO FONDAZIONE ROMA – PALAZZO CIPOLLA
Via del Corso 320
06 22761260
[email protected]
www.fondazioneromamuseo.it
www.mostracobraroma.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/50151/cobra-una-grande-avanguardia-europea-1948-1951/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community