Lo Strillone: la tecnologia che sta svecchiando i templi della cultura su La Repubblica. E poi Caravaggio hi-tech a Palermo, Star Wars raccontato da Harrison Ford

Print pagePDF pageEmail page

Harrison Ford

Harrison Ford

Visori immersivi, robot-guide e tavoli interattivi. Purché pensati per coinvolgere e (anche) divertire il pubblico. Da Bolzano a New York ecco come la tecnologia sta svecchiando i templi della cultura”. La domenica de La Repubblica è dedicata a un ampio focus sul fenomeno dello Smart Museum: “oggi c’è chi si cimenta in app sempre più complesse e chi in teatri virtuali sempre più sofisticati assoldando specialisti di Hollywood. C’è chi sperimenta il visore immersivo Oculus Rift per ‘far uscire’ personaggi e colori dai quadri, e chi usa i Google Glass per arricchire le tradizionali audioguide con video e ricostruzioni virtuali. In ciò Digital Think-in ha mostrato una volta di più che le eccellenze italiane competono validamente con i campioni stranieri. Si sono viste, tra l’altro, le cuffie immersive che il Museo civico di Bolzano utilizza per descrivere le opere con i suoni, e il robot Virgil che guida i visitatori tra le stanze chiuse al pubblico del castello di Racconigi”.

Caravaggio hi-tech a Palermo. L’argomento del giorno è trattato anche dal Corriere della Sera, secondo cui “il riscatto di una città ancora popolata da padrini sempre braccati e sempre più spesso catturati può cominciare dall’oratorio di San Lorenzo, il gioiello barocco da dove i boss di Cosa nostra fecero sparire un Caravaggio da 20 milioni di euro, la Natività rubata in una notte tempestosa del 1969 e mai più ritrovata. Quella nicchia da due metri per tre sull’altare impreziosito dagli stucchi del Serpotta da ieri, infatti, non è più uno spazio vuoto perché offre di nuovo il miracolo dei chiaro scuri e dei bagliori accecanti della struggente natività fra i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi. O, meglio, di una copia perfetta, realizzata ad alta tecnologia”. “Star Wars? Per voi è un mito, per me un lavoro“. Parola di Harrison Ford, intervistato da La Stampa: “il titolo del film è talmente ovvio che non bisogna nemmeno menzionarlo. Solo i fan che si prenotano online e restano in coda almeno 24 ore, con flessibilità per chi lavora, riceveranno almeno un biglietto. E così eccoli, appostati lì da sabato scorso davanti al Chinese Theater dove nel 1977 debutto Guerre stellari, il piccolo film di fantascienza di un certo George Lucas del quale la Fox non sapeva bene che farsene”.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community