Il Mediterraneo di Ettore Fico. Tra viaggi e paesaggi

Museo Ettore Fico, Torino – fino al 18 ottobre 2015. Dopo l'allestimento nella sede di Roma della Regione Piemonte nell'autunno del 2009, ritorna “Gli anni del Mediterraneo”. In esposizione in un unico corpus, la vocazione di Ettore Fico per quei luoghi che ancora oggi sono culla di leggende, paesaggi, storie e colori.

Print pagePDF pageEmail page

Ettore Fico, Amalfi, 1958 - olio su tavola, cm 50 x 40

Ettore Fico, Amalfi, 1958 – olio su tavola, cm 50 x 40

Positano, Amalfi, la Costiera con i suoi limoni e il pesce fresco. La cupola, le case arroccate, i colori forti e tenui insieme. Struggenti e delicati. Meravigliosi. Chi visita questi luoghi oggi si accorgerà immediatamente che non sono cambiati molto rispetto alla testimonianza dei viaggi raccontati da Ettore Fico (Piatto Biellese, 1917 – Torino, 2004) nel lasso di tempo tra la fine degli Anni Cinquanta e il decennio successivo. La vocazione del pittore per questi luoghi non è solo uno spaccato biografico, ma una vera e propria narrazione di tematiche ricorrenti e tecniche che lo vedono dipingere con inchiostro di china su carta, tempera e pastello, acquarello e olio su tela. La scelta dei colori evoca inequivocabilmente la brezza e il calore dei luoghi, la terra e il sole rovente. Ma non solo: perché, nonostante le curve morbide delle pennellate, i paesaggi mediterranei esprimono anche architettura e un senso di infinito che – come insegna Matvejevic nel suo Breviario – è tracciato dalle rotte e dalle correnti di mare, dai gerghi e dalla poesia. Infatti “quel mare, il Mediterraneo, è anche il grembo della nostra storia, della nostra civiltà”.

Eugenio Giannetta

Torino // fino al 18 ottobre 2015
Ettore Fico – Gli anni del Mediterraneo
a cura di Andrea Busto
MEF – MUSEO ETTORE FICO
Via Cigna 114

011 853065
[email protected]
www.museofico.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/46918/ettore-fico-gli-anni-del-mediterraneo/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community