Ecco le immagini della Biennale dell’Antiquariato di Firenze. A Palazzo Corsini visitatori in crescita del 55%: e c’è che si è comprato un Luca Giordano e un Ghirlandaio

Print pagePDF pageEmail page

Biennale Internazionale dell'Antiquariato di Firenze 2015

Paolo Antonacci annuncia di aver venduto 7 opere, due delle quali a importanti collezionisti americani: e per il dipinto di Luca Giordano La Gloria di Sant’Andrea Corsini, presente proprio allo stand Antonacci-Lapiccirella di Roma, sarebbero in corso due serie trattative con una Fondazione ed un collezionista privato. È solo un esempio che conferma le ottime impressioni destate dai primi giorni della Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze, che registra un incremento del 55% di visitatori e il ritorno di tanti collezionisti ed esperti sulla piazza fiorentina, che solitamente si incontrano a Maastricht o a Parigi. Visti nei primi giorni della preview, oltre a rappresentanti delle più importanti case d’aste e fiere nazionali e internazionali, alcuni tra i più importanti direttori di musei al mondo, da Till Holger-Borschert, del Memling Museum di Bruges, a Jean Patrice Marandel, curatore del County Museum di Los Angeles, Keith Christiansen, direttore del Dipartimenti Arte Europea del Metropolitan Museum di New York, Eike Schmidt, neo direttore della Galleria degli Uffizi. Soddisfatto anche Giovanni Pratesi, che pare abbia concluso la trattativa con alcuni collezionisti privati per un importante dipinto di Ridolfo del Ghirlandaio e per alcune sculture. La Biennale resta visibile fino al 4 ottobre: noi ci siamo passati, eccovi una bella carrellata di immagini…

www.biaf.it

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community