London Updates: David Bowie secondo Terry O’Neill. Ecco alcune immagini dal libro presentato durante la Frieze week

Il leggendario fotografo inglese presenta in anteprima mondiale a Londra il suo nuovo libro sulla popstar, che racconta una collaborazione trentennale catturando i momenti salienti della sua carriera

Londra, Ransom Art - La presentazione del libro di ONeill su David Bowie. Foto Mario Bucolo (1)
Londra, Ransom Art - La presentazione del libro di ONeill su David Bowie. Foto Mario Bucolo (1)

Come accade spesso per le cose migliori, è successo tutto un po’ per caso. Terry O’Neill, il fotografo delle celebrità, con lavori esposti al Victoria and Albert Museum, al Getty Museum e alla National Portrait Gallery, voleva inizialmente fare il musicista Jazz, ed aveva trovato un lavoro con British Airways per poter volare nei locali più in voga di New York e suonare la batteria. Invece la fortuna e successivamente un lavoro costante per ingraziarsi le celebrità di tutto il mondo lo hanno portato a diventare uno dei fotografi più collezionati al mondo. A seguito della triste notizia della morte di David Bowie, con cui Terry O’Neill ha lavorato per trent’anni, ha deciso di dedicare un tributo alla star che ha cambiato la storia del panorama musicale mondiale. Ed è così che, per caso, durante un lungo anno di lavoro meticoloso per assemblare i migliori scatti di David Bowie compiuto insieme al direttore artistico di Red Engine Des Curran, una serie di negativi mai visti prima è stata ritrovata. Nemmeno il fotografo ricordava di aver immortalato con la sua Leica tutti quei momenti essenziali della carriera del cantante.

UN’EDIZIONE LIMITATA DI 500
Gli scatti spaziano dall’ultima performance di Bowie come Ziggy Stardust alle registrazioni di Young Americans, dai concerti di Station to Station al servizio fotografico con William Burroughs, dalle foto di The man who fell to earth al leggendario servizio fotografico per l’album Diamond Dogs in cui Bowie rimane impassibile mentre il cane saltellante desta il panico nello studio. Tutti questi scatti sono stati raccolti nel libro Bowie by O’Neill che il fotografo ha presentato nei giorni scorsi nella galleria Ransom nel cuore di Chelsea. Numerosissimi i fan che hanno invaso lo spazio espositivo e che si sono rivaleggiati per avere un autografo ed una dedica del fotografo. Il libro, un’edizione limitata di 500, è arricchito nella copertina da un bassorilievo del cantante commissionato all’artista milanese Germana Senzani, ispirato agli scatti del fotografo. A dimostrare la predilezione di O’Neill per le eccellenze del bel paese anche la scelta della produzione del libro rilegato da Errestampa. Fino al 21 ottobre sarà possibile ammirare questo libro, o meglio opera d’arte, alla galleria Ransom di Pimlico Road, insieme a venti foto di ampie dimensioni di Bowie che rappresentano i migliori scatti tratti dalle pagine del libro.

Fino al 21 ottobre
62/64 & 105 Pimlico Road – SW1W 8NQ London
http://markransom.co.uk/

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.