Parte Operae 2016 il festival torinese dedicato al design. Con un invito al coraggio per i giovani

Be brave designers! Un invito alla coerenza e al coraggio di sostenere le proprie idee. Questo – per la curatrice Annalisa Rosso – è il tema della prossima edizione di Operae a Torino. Il design torna al suo ruolo sociale…

Operae 2015
Operae 2015

Il design è di parte. E in occasione della prossima edizione di Operae – Indipendent Design Festival a Torino Palazzo Cisterna dal 3 al 6 novembre  2016, la curatrice Annalisa Rosso lo rimarca a gran voce. Designing the future, questo il titolo della rassegna, ha come sottotitolo Fai la tua scelta, e questo perché, come dice la curatrice: “è indubbio che il designer sia una figura chiave nei campi di innovazione, comunicazione, sostenibilità. Ma gli va riconosciuta una posizione altrettanto rilevante su fronti quali educazione, etica, sanità, giustizia sociale”.
ll design oggi raccoglie sotto la sua ala una vasta variazione sul tema della progettazione, dal prodotto all’interior, e questa realtà fa sì che colui che sceglie questa professione debba dar credito ad un impegno sociale oltre che tecnico-materico, affinché il proprio orizzonte progettuale non si limiti alla vendita, ma si preoccupi delle conseguenze che il progetto ha sulla vita di chi lo recepisce e ne fa uso.

Annalisa Rosso, curatrice di Operae
Annalisa Rosso, curatrice di Operae

UNA QUESTIONE DI RESPONSABILITÀ
È importante, dunque, riaccendere il dibattito globale sulle responsabilità del design oggi, il design che determinerà il futuro. Se, come ricorda Annalisa Rosso, la stessa Paola Antonelli, Senior Curator della sezione architettura e design e Direttore della Ricerca e Sviluppo del Museum of Modern Art di New York, ha tesorizzato il valore aggiunto che la comunità dei designer apporterebbe qualora fosse parte integrante della classe politica al governo, ai designer di oggi si incalza: be brave – abbiate il coraggio di sostenere un’idea.

-Flavia Chiavaroli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.