Le opere di Daniele Serra per le scenografie di Cell, horror distopico tratto da Stephen King

Quando è stato chiamato, Daniele Serra credeva che avrebbe prestato i suoi acquerelli ad una produzione indipendente. Invece ora si ritrova sul set di Cell, fanta-horror tratto da Stephen King

Un'immagine tratta da Cell di Tod Williams
Un'immagine tratta da Cell di Tod Williams

È cresciuto leggendo Stephen King e guardando Samuel L. Jackson, l’artista cagliaritano Daniele Serra, classe 1977. E ora si ritrova a far parte delle scenografie di Cell – il film horror fantascientifico diretto da Tod Williams, tratto dall’omonimo romanzo di King e interpretato da Jakson – con 20 illustrazioni appartenenti all’art book Veins and Skulls, edito nel 2013 da SST England, dove da un immaginario sospeso tra realtà e incubo prendono forma i suoi visionari acquerelli che contemplano il corpo femminile con tanta malinconia quanta sensualità.
Arrederanno la camera da letto del protagonista, interpretato da John Cusack, un ex illustratore sopravvissuto a un devastante segnale telefonico, attorno al quale gira l’intera sceneggiatura curata dallo stesso King, nella pellicola appena uscita nelle sale cinematografiche.

Un acquerello di Daniele Serra
Un acquerello di Daniele Serra

SOFISTICATE ATMOSFERE GOTICHE
Credevo si trattasse di una produzione indipendente, quando sono stato contattato, mai avrei immaginato all’adattamento ufficiale del romanzo” confessa Daniele Serra, vincitore del British Fantasy Award nel 2012 e del This Is Horror Awards nel 2015, con all’attivo numerose pubblicazioni per case editrici specializzate statunitensi, inglesi e giapponesi per le quali ha realizzato libri illustrati, copertine e graphic novel e che vanta collaborazioni che da Marcello Fois vanno a Clive Barker fino ad arrivare a Joe R. Landsale. Sofisticato illustratore New Gothic – ama definirsi romantico decadente – nelle sue tavole interviene per velature, tono su tono, a strutturare scenari visionari spesso apocalittici, dove in uno spazio lontano da ogni tempo e luogo si muovono in contrapposizione tra loro personaggi spettrali e delicate silhouette femminili che tendono a dissolversi per diventare tutt’uno con le atmosfere cupe e nebbiose che li circondano.

– Roberta Vanali

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.