Il futuro di Gilbert and George? Un artist run projects e una nuova fondazione a Londra

La coppia di performer più famosa del Regno Unito è in procinto di inaugurare il proprio spazio espositivo. Gilbert & George starebbero per aprire a Spitalfield nell’East End londinese la loro Fondazione.

AHEM - Gilbert & George, 2013
AHEM - Gilbert & George, 2013

Dopo la Newport Street Gallery di Damien Hirst, un altro artist-run project sta per inaugurare a Londra: a lanciarlo non è un collettivo di giovani creativi di belle speranze, ma ancora una volta si tratta di due celebrità.
Sono Gilbert & George (Gilbert Prousch, 1943 e George Passmore, 1942)  famosi fin dagli anni Settanta per il loro tableaux vivant – i protagonisti di questa nuova esperienza che aprirà, ma ancora non è nota la data, i battenti a Spitalfield nell’East End londinese. Una zona, questa, da sempre amata dalla coppia di performer, che vive lì dal 1969 fin da quando era un sobborgo operaio, da prima, insomma, della gentrificazione che cambiato il volto del quartiere, dove oggi abitano artisti come Tracey Emin e Jake & Dinos Chapman.

Gilbert & George a passeggio nel quartiere di Spitalfield
Gilbert & George a passeggio nel quartiere di Spitalfield

LE INDISCREZIONI SUL PROGETTO
Lo spazio si collocherà in un edificio del secolo scorso su Heneage Street, un ex birrificio acquistato dalla coppia lo scorso anno, precedentemente di proprietà dell’artista Polly Hope, scomparsa nel 2013. Altre indiscrezioni raccontano, invece, di una fondazione, alla quale gli artisti doneranno molti dei loro lavori. Secondo il quotidiano Guardian, infatti, i due avrebbero registrato un’iniziativa no-profit legata all’arte e alla sua promozione, soprattutto all’interno della comunità locale, con mostre e progetti ad ingresso gratuito. Il progetto di ristrutturazione dello spazio prevede, inoltre, la demolizione di un vecchio laboratorio degli anni ’70 e la creazione di un basement.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.