New York Updates: foto e video dai Frieze Projects. Con Cecilia Alemani che racconta la sezione ai nostri microfoni

Nel quadro di una fiera non del tutto entusiasmante per quanto riguarda le proposte delle gallerie, specie di quelle grandi, restano i progetti commissionati da Frieze ad assolvere il ruolo di ricerca, spunto e rischio che molti dealer hanno deciso per prudenza e strategia di non ospitare nei loro stand. A curare la sezione Projects […]

Cecilia Alemani, curatrice di Frieze Projects New York 2016

Nel quadro di una fiera non del tutto entusiasmante per quanto riguarda le proposte delle gallerie, specie di quelle grandi, restano i progetti commissionati da Frieze ad assolvere il ruolo di ricerca, spunto e rischio che molti dealer hanno deciso per prudenza e strategia di non ospitare nei loro stand.
A curare la sezione Projects di Frieze, quest’anno modulata sempre su standard di alta qualità come del resto nelle più recenti edizioni, è Cecilia Alemani, nominata da poco anche curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia del 2017.

C’è il somarello di Maurizio Cattelan che così omaggia la galleria che per prima ospitò una sua personale a New York, c’è il personaggio volante sopra la fiera firmato Alex Da Corte, c’è David Horovitz che ti scippa al contrario, mettendoti delle cose in borsa invece di togliertele, c’è Anthea Hamilton che fa un riadattamento del Kar-a-sutradell’architetto italiano Mario Bellini, c’è Heather Phillipson, artista e poeta di Londra, che concepisce la Frieze-tent, la tenda sotto la quale si svolge la fiera, come una sorta di spina dorsale spezzata e infine c’è Eduardo Navarro con i suoi performer che riflettono il cielo e lo portano in giro. Una selezione varia e composita che Cecilia Alemani ci racconta in questo video seguita dalle immagini di alcune opere.

http://frieze.com/fairs/frieze-new-york/programme/projects

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.