Yayoi Kusama è uno dei cento personaggi più influenti del mondo secondo il Time. Unica rappresentante delle arti visive nella celeberrima lista annuale

Anche se nelle ultime settimane l’attenzione dell’opinione pubblica è stata monopolizzata dai Panama Papers, in tema di “liste” l’appuntamento con i cento nomi più influenti dell’anno secondo il Time resta attesissimo. Quella di quest’anno è stata pubblicata lo scorso giovedì, e include nella categoria dei Titani i coniugi Zuckerberg, Tim Cook e Papa Francesco, tra […]

Yayoi Kusama

Anche se nelle ultime settimane l’attenzione dell’opinione pubblica è stata monopolizzata dai Panama Papers, in tema di “liste” l’appuntamento con i cento nomi più influenti dell’anno secondo il Time resta attesissimo. Quella di quest’anno è stata pubblicata lo scorso giovedì, e include nella categoria dei Titani i coniugi Zuckerberg, Tim Cook e Papa Francesco, tra i Pionieri Caitlyn Jenner e Gina Rodriguez, tra i Leader Angela Merkel, Donald Trump, Bernie Sander, Hillary Clinton e Vladimir Putin e tra le Icone Leonardo di Caprio, Adele, Alejandro Inarritu e Nicki Minaj.
È tra gli Artisti che arriva la vera sorpresa, perché l’unica persona a rappresentare le arti visive è la giapponese Yayoi Kusama, nel posto che l’anno scorso fu del Turner Prize Chris Ofili, nel 2014 di Marina Abramovic e nel 2013 di Ed Ruscha. Insieme a lei però tantissimi gli attori tra cui Charlize Theron, Mark Rylance, Oscar Isaac, Idris Elba e Gael Garcia Bernal. Nella stessa categoria anche due italiani: Riccardo Tisci, direttore creativo di Givenchy e la scrittrice Elena Ferrante, dietro il cui pseudonimo non si sa ancora chi si nasconda…

Federica Polidoro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.