Salone Updates: il bookshop della Triennale cambia faccia. Un progetto di Patricia Urquiola ed Electa per la libreria del Palazzo dell’Arte

Un layout ripensato per valorizzare la libreria del Palazzo dell’Arte della Triennale di Milano. In occasione della XXI Esposizione Internazionale, la casa editrice Electa, che si è aggiudicata la gestione dello spazio per i prossimi sei anni, ha affidato a Patricia Urquiola lo sviluppo di un nuovo progetto per il bookshop specializzato in titoli di […]

Il bookshop della Triennale by Patricia Urquiola

Un layout ripensato per valorizzare la libreria del Palazzo dell’Arte della Triennale di Milano. In occasione della XXI Esposizione Internazionale, la casa editrice Electa, che si è aggiudicata la gestione dello spazio per i prossimi sei anni, ha affidato a Patricia Urquiola lo sviluppo di un nuovo progetto per il bookshop specializzato in titoli di arte, design e architettura. Per sottolineare il carattere di familiarità che la Triennale assume per i milanesi e tutto il pubblico internazionale, la designer spagnola si è ispirata agli elementi più iconici dell’edificio di Giovanni Muzio, gli archi della facciata, che vengono ora riproposti lungo il perimetro della libreria, mentre all’interno ritroviamo una linea di arredi componibili sempre a firma della stessa Urquiola.
Lo spazio debutta in concomitanza con il Salone del Mobile di Milano: oltre ai libri, saranno distribuite nel bookshop anche riviste e testate specializzate insieme a una linea di merchandising ufficiale (di Studio Camuffo con gli olandesi Kesselkramer) a cui si aggiungono alcuni marchi di complementi d’arredo quali, tra gli altri, Design Memorabilia, Seletti, Danese. Speriamo vada meglio della liberira che Electa ha gestito fino a qualche tempo fa al Maxxi…

Giulia Zappa

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Zappa
Laureata in comunicazione all’Università di Bologna con una tesi in semiotica su Droog Design, si specializza in multimedia content design e design management a Firenze e New York. Da oltre dieci anni lavora come design&communication strategist, occupandosi di progetti a cavallo tra comunicazione e prodotto. Ha insegnato Comunicazione Multimediale all’Accademia di Belle Arti di Roma. È consulente per programmi internazionali di design per lo sviluppo. Giornalista pubblicista, per Artribune è responsabile editoriale delle pagine dedicate al design.