MVRDV ristrutturerà a Parigi il complesso Vandamme Nord. 2015, anno d’oro per lo studio d’architettura olandese, già protagonista a Rotterdam e Vienna

Sembra essere iniziato sotto i migliori auspici il nuovo anno per lo studio d’architettura MVRDV, di base a Rotterdam. È di un mese fa il successo al concorso per la realizzazione dell’edificio con cui, a Vienna, si mira a rigenerare l’area dei gasometri; un risultato ottenuto superando concorrenti come Dominique Perrault Architecture. Turm Mit Taille, […]

MVRDV, progetto per Vandamme Nord (foto MVRDV)

Sembra essere iniziato sotto i migliori auspici il nuovo anno per lo studio d’architettura MVRDV, di base a Rotterdam. È di un mese fa il successo al concorso per la realizzazione dell’edificio con cui, a Vienna, si mira a rigenerare l’area dei gasometri; un risultato ottenuto superando concorrenti come Dominique Perrault Architecture. Turm Mit Taille, i cui lavori inizieranno nel 2016, sarà una “torre flessibile e intelligente” in grado di moderare l’azione del vento e limitare l’ombra dei suoi 110 metri di altezza sugli edifici circostanti grazie ad una configurazione inedita; Winy Maas, uno dei fondatori dello studio, a riguardo ha proposto l’accostamento con un’“elegante figura a clessidra”. Più recente è la vittoria del World Architecture News Award 2014 con il Market Hall, il nuovo mercato centrale di Rotterdam, reso visivamente riconoscibile dal colossale arco passante, al di sotto del quale si trova una piazza pubblica coperta, molto apprezzata da abitanti e visitatori.
A queste notizie si aggiunge ora l’approvazione del piano presentato per “reintrodurre la perduta scala umana” nel complesso parigino Vandamme Nord, un’opera dell’architetto e urbanista Pierre Dufau, autore di numerosi progetti, tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta, soprattutto nella capitale francese. L’intervento di MVRDV prevede un rinnovamento radicale, funzionale ed estetico, dell’edificio, passando dalla ridefinizione degli spazi interni – una sessantina di alloggi di edilizia convenzionata, un asilo di 500 metri quadri e un centro conferenze si andranno ad integrare agli uffici esistenti, al centro commerciale, all’hotel, alla biblioteca e al parcheggio sotterraneo – per arrivare al potenziamento dell’accessibilità pedonale. Tratto distintivo? Sarò lo smantellamento volumetrico dell’attuale facciata attraverso una combinazione-incastro di “scatole in vetro”, disposte con frequenti variazioni dimensionali e cromatiche. “Abbiamo sviluppato moduli- facciata scambiabili, in modo che l’intero complesso possa rispondere in modo flessibile ai cambiamenti in uso nei prossimi anni“, ha affermato in merito Winy Maas.

Valentina Silvestrini

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.