Macro Testaccio aperto ai giovani (artisti e curatori). Ecco le immagini della mostra Uscita d’Emergenza: arte fra valore e denaro

“Se non insistiamo sul valore fondamentale delle lettere e delle arti, queste saranno accantonate perché non producono denaro”. È da questa frase contenuta nel libro Non per profitto della filosofa americana Martha Nussbam che prende spunto la mostra Uscita d’Emergenza, appena inaugurata a Roma al Macro Testaccio, dove resterù visibile fino all’8 febbraio. Temi secolari? […]

milica cirovic, amanti eterni - foto di Carlotta Scognamiglio

Se non insistiamo sul valore fondamentale delle lettere e delle arti, queste saranno accantonate perché non producono denaro”. È da questa frase contenuta nel libro Non per profitto della filosofa americana Martha Nussbam che prende spunto la mostra Uscita d’Emergenza, appena inaugurata a Roma al Macro Testaccio, dove resterù visibile fino all’8 febbraio. Temi secolari? Sì, ma qui la parte interessante è che ad affrontarli sono chiamati 14 giovani artisti e soprattutto quattro curatrici giovanissime, Valeriana Berchicci, Chiara Caramazza, Roberta Ianniti e Francesca Lilli, studentesse della Scuola curatori dell’Accademia di Belle Arti di Roma che hanno formato il gruppo Whart. Gli artisti invitati sono Dario Agati, Giulio Bensasson, Lucia Bricco, Milica Cirovic, Ola Czuba, Lele D’Alò, Lorenzo Modica, Claudio Pantò, Matteo Pisapia, Sofia Ricciardi, David Ferro Salge, Paolo Scarfone, Spentriu, Jianchao Xue. I risultati? Li lasciamo valutare a voi, con le immagini della fotogallery…

Fino all’8 febbraio 2015
Piazza Orazio Giustiniani 4, Roma
www.museomacro.org

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.