Aziende che investono in (s)cultura. Approda a Guidonia Montecelio il MISA, un po’ museo in progress, un po’ mostra itinerante

Un progetto nato nel 2009 per aprire le aziende all’arte, migliorare la qualità della vita al loro interno e valorizzare l’ambiente circostante grazie ad imprenditori illuminati con la voglia di comunicare la propria identità con la cultura e con l’arte. Così si presenta il MISA, acronimo che sta per Museo internazionale in progress di Scultura […]

Un progetto nato nel 2009 per aprire le aziende all’arte, migliorare la qualità della vita al loro interno e valorizzare l’ambiente circostante grazie ad imprenditori illuminati con la voglia di comunicare la propria identità con la cultura e con l’arte. Così si presenta il MISA, acronimo che sta per Museo internazionale in progress di Scultura per le Aziende, progetto curato da Tiziana Leopizzi che ora approda a Guidonia Montecelio, nell’hinterland romano. A tutt’oggi sono stati aperti dieci MISA in sei regioni diverse, Umbria, Toscana, Lombardia, Veneto, Liguria e Lazio. Ogni tappa è poi scandita dalla consegna dei MISA d’Argento, riconoscimenti rivolti agli imprenditori di quelle Aziende che vedono nella cultura un punto di forza polifunzionale e fisiologico alla crescita dell’Impresa.
Il format si struttura su due sezioni inscindibili tra loro, il Museo in progress e la mostra itinerante Ipotesi Dinamica, che espone maquettes di grandi opere che vengono poi selezionate per essere poi realizzate e collocate nelle aziende committenti. Fra i protagonisti dell’esposizione, allestita nel Museo Rodolfo Lanciani del Complesso di San Michele Arcangelo di Montecelio, ci sono Pablo Atchugarry, Tommaso Cascella, Lucilla Catania, Pablo Echaurren, Giorgio Faletti, Fukushi Ito, Carlo Lorenzetti.

Presentazione: giovedì 18 settembre 2014 – dalle 10,30
Sedi varie – Guidonia Montecelio (Rm)
www.ellequadro.com