Parte la call di Siena 2019: cercasi artista digitale, da arruolare nel team in marcia verso il titolo di Capitale Europea della Cultura

Procede l’iter delle sei città italiane – Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena – candidate al titolo di Capitale europea della Cultura 2019. Una maratona a suon di mostre, progetti, convegni, per una sfida che, come affermato dal commissario Ue all’Istruzione e alla Cultura Androulla Vassiliou, “può portare alle città interessate importanti benefici a […]

Procede l’iter delle sei città italiane – Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena – candidate al titolo di Capitale europea della Cultura 2019. Una maratona a suon di mostre, progetti, convegni, per una sfida che, come affermato dal commissario Ue all’Istruzione e alla Cultura Androulla Vassiliou, “può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura“. E questo sia in caso di vittoria, sia grazie al solo percorso legato alla nomination.
Fondamentale, naturalmente, il ruolo della comunicazione. Ché non c’è strategia vincente o piano di sviluppo valido, da cui si possa escludere un piano d’immagine adeguato. Ed ecco la call lanciata in questi giorni dal comitato di Siena 2019 e indirizzata agli artisti digitali: di qualunque nazionalità, preferibilmente residenti in Toscana, con una abilità speciale connessa al mondo dell’informatica, della rete, della programmazione. Occorre inviare CV, portfolio e un massimo di dieci immagini digitali in formato jpg, all’indirizzo [email protected]. Diversi gli ambiti possibili di ricerca e di proposta, nell’ambito della veicolazione dei contenuti sul web, tra siti, app, progetti visivi, social, piattaforme creative e di comunicazione. Una bella occasione di sperimentazione e di visibilità, provando a salire sulla grande macchina in corsa per il trofeo del 2019. Termine ultimo per candidarsi: il prossimo 14 maggio.

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d’arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo e di Roma (dove è stata anche responsabile dell’ufficio comunicazione). Collaboratrice da vent’anni anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo, fino al 2010, come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la testata culturale Artribune, dove ancora oggi lavora come editorialista, collaborando col team di direzione e operando come curatrice e project manager nel nuovo comparto aziendale Artribune Produzioni. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica, politica, costume, comunicazione, attualità e linguaggi creativi contemporanei. Presso Riso Museo d’Arte contemporanea della Sicilia è stata curatrice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti, prevalentemente presso spazi pubblici italiani, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. È stata membro di commissioni e giurie per premi/residenze d’ambito nazionale, riservati ad artisti. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.