Bologna e Frank Zappa, una storia infinita. Nel ventennale della scomparsa doppio appuntamento con l’eclettico chitarrista al festival Angelica: che dedica una serata anche a Captain Beefheart

Il titolo della rassegna, Voci dall’aldilà, si deve a un celebre studioso di emissioni elettromagnetiche, Konstantine Raudive. Costola del festival Angelica, il progetto curato da Walter Rovere quest’anno dedica un appuntamento a Frank Zappa per il ventennale della sua scomparsa, proprio in quel capoluogo emiliano che l’anno scorso aveva dedicato una via all’eclettico chitarrista. Il […]

Frank Zappa

Il titolo della rassegna, Voci dall’aldilà, si deve a un celebre studioso di emissioni elettromagnetiche, Konstantine Raudive. Costola del festival Angelica, il progetto curato da Walter Rovere quest’anno dedica un appuntamento a Frank Zappa per il ventennale della sua scomparsa, proprio in quel capoluogo emiliano che l’anno scorso aveva dedicato una via all’eclettico chitarrista. Il Museo della Musica ospiterà in anteprima italiana la proiezione del film di Frank Scheffer A Pioneer Of The Future Of Music, e un incontro con Riccardo Bertoncelli, noto critico musicale e autore di un testo su Zappa.

Captain Beefheart
Captain Beefheart

Altro protagonista di questa edizione è Captain Beefheart, figura tra le più ambigue del panorama musicale, ma certamente determinante per le influenze, anche nel contemporaneo. Anche in questo caso proiezione e incontro pubblico, con il documentario Under Review. Appassionati di musica o no, presenza immancabile…

– Claudio Musso

Museo della Musica
Strada Maggiore 34 – Bologna
Captain Beefheart
Venerdì 29 novembre 2013 – ore 17.45
Under Review di Anonymous (GB 2006, v.o. sott.it., 115′ – prima italiana)

Frank Zappa
Sabato 30 novembre 2013 – ore 17.45
A Pioneer Of The Future Of Music, Parts 1 & 2, di Frank Scheffer (NL 2007, v.o. sott.it., 2×55′ – prima italiana)
www.aaa-angelica.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Musso
Critico d'arte e curatore indipendente, la sua attività di ricerca pone particolare attenzione al rapporto tra arte visiva, linguaggio e comunicazione, all'arte urbana e alle nuove tecnologie nel panorama artistico. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia e Storia dell’arte presso l'Università di Bologna, ateneo dove aveva precedentemente conseguito la laurea triennale e specialistica. Attualmente è docente di Fenomenologia delle arti contemporanee e di Teoria della percezione e psicologia della forma presso l’Accademia G. Carrara di Belle Arti di Bergamo dove ricopre il ruolo di Coordinatore del corso di Pittura, insegna inoltre Linguaggio della visione presso Spazio Labo’ a Bologna. Tra il 2007 e il 2011 ha collaborato con il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna per la ricerca scientifica e per l'organizzazione di conferenze e incontri. Ha partecipato in qualità di curatore e di membro di giuria a festival internazionali (LPM - Live Performers Meeting, Roma – Minsk; roBOt - Digital Paths into Music and Arts, Bologna) ed è stato invitato come relatore a convegni e conferenze in Italia e all’estero (tra le altre AVANCA | CINEMA International Conference Cinema, Art, Technology - Cineclub Avanca, Portogallo; VIII MAGIS – International Film Studies Spring School - Università di Udine, Gorizia; Artscapes - An Interdisciplinary Conference on Art and Urban Scapes - University of Kent, Canterbury). Dal 2004 al 2011 è stato collaboratore di Exibart.com e Exibart.onpaper, dove dal 2008 dirigeva la rubrica visualia. Prende parte al network Digicult e collabora con il magazine di cultura digitale Digimag. Scrive regolarmente per Artribune. Ha pubblicato numerosi articoli, testi critici e saggi, il più recente si intitola Dalla strada al computer e viceversa (Libri Aparte, Bergamo 2017).