Al Maxxi arriva un pezzo di storia della danza del Novecento. Doppio appuntamento con la compagnia di Susanna Egri, che presenta “Mystery Sonata”

Da ben sessant’anni Susanna Egri, a Torino e non solo, influenza grandemente l’arte coreutica italiana, sia attraverso un’intensa attività didattica (con ospiti di altissimo livello, negli anni, tra i quali vale ricordare almeno Sergio Liberovici e Massimo Mila), sia proponendo con il suo gruppo, I balletti di Susanna Egri, memorabili spettacoli tra i quali Istantanee, […]

Un passaggio di Mystery Sonata (foto Simone Vittonetto)

Da ben sessant’anni Susanna Egri, a Torino e non solo, influenza grandemente l’arte coreutica italiana, sia attraverso un’intensa attività didattica (con ospiti di altissimo livello, negli anni, tra i quali vale ricordare almeno Sergio Liberovici e Massimo Mila), sia proponendo con il suo gruppo, I balletti di Susanna Egri, memorabili spettacoli tra i quali Istantanee, del 1953, e Chagalliana, dell’anno seguente. Nell’allestimento di questi lavori, la coreografa coinvolse il fior fiore dei compositori e pittori dell’epoca: “una vera e propria commissione di sapore diaghileviano”, dirà al proposito Alberto Testa, già partecipe della sopracitata attività pedagogica.
L’ensemble della Egri nel 1999 si è trasformato in Compagnia EgriBiancoDanza, accogliendo come condirettore e coreografo residente Raphael Bianco. La Compagnia, che definisce il proprio stile “di espressione contemporanea, su solida base classica” sarà negli spazi del Maxxi, a Roma, sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre per presentare Mystery Sonata, lavoro che “nasce con l’intento di essere uno spettacolo modulare, scomponibile e assemblabile a seconda degli spazi in cui si svolge, senza un reale inizio né una fine”. Mystery Sonata costituisce un’occasione, per l’ideatore e coreografo Bianco, di dare spazio ad alcune fondative questioni: “Dov’è l’inizio e la fine delle nostre azioni e cosa rimane agli altri di noi? Qual è la realtà della natura delle cose: la nostra visibile o quella impalpabile, oscura e a noi ignota ma che ci circonda, o entrambe? E soprattutto qual è il rapporto fra le due?”.

– Michele Pascarella

www.fondazionemaxxi.it

Un passaggio di Mystery Sonata (foto Simone Vittonetto)
Un passaggio di Mystery Sonata (foto Simone Vittonetto)

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Michele Pascarella
Dal 1992 si occupa di teatro contemporaneo e tecniche di narrazione sotto la guida di noti maestri ravennati. Dal 2010 è studioso di arti performative, interessandosi in particolare delle rivoluzioni del Novecento e delle contaminazioni fra le diverse pratiche artistiche.