Art Digest: chi, se non lui, può predicare di cambiare la Cina con internet? Marsiglia capitale dei musei (chiusi). Mandela bianco, De Klerk negro, pittore censurato

Ancora Ai Weiwei? Sì, ma stavolta è lui a prendere in mano la “penna”, e ad affidare al Guardian un vero e proprio manifesto politico-sociale-culturale: “Spetta a noi cittadini utilizzare internet per portare il cambiamento in Cina…” (guardian.co.uk) Musée d’Histoire naturelle, Musée des Beaux-Arts, Musée d’art contemporain, Mémorial des Camps de la Mort, Musée des […]

Il MuCem di Marsiglia

Ancora Ai Weiwei? Sì, ma stavolta è lui a prendere in mano la “penna”, e ad affidare al Guardian un vero e proprio manifesto politico-sociale-culturale: “Spetta a noi cittadini utilizzare internet per portare il cambiamento in Cina…” (guardian.co.uk)

Musée d’Histoire naturelle, Musée des Beaux-Arts, Musée d’art contemporain, Mémorial des Camps de la Mort, Musée des Docks Romains, MuCEM. Tutti chiusi: Marsiglia fa l’italiana, e si prepara così ad essere Capitale Europea della Cultura… (lefigaro.fr)

Il primo presidente negro del Sudafrica, Nelson Mandela, raffigurato come un maschio bianco, così come l’attuale presidente Jacob Zuma. De Klerk e altri ex leader bianchi che diventano negri, nel dipinto dell’artista Kobus Myburgh. Ma il museo sudafricano ritira l’opera scomoda… (abc.es)

I legami tra la composizione biologica del cervello e la comprensione dell’arte. Attraverso esempi celebri, da Schiele a Klimt, a Kokoschka: sul New York Times il breve saggio del neuroscienziato Premio Nobel  Eric R. Kandel… (nytimes.com)

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.