Nico Vascellari, Linda Fregni Nagler, Luca Trevisani. Ecco i vincitori del Premio Moroso: saranno loro a realizzare i propri progetti negli showroom di Milano, Londra e New York

Appuntamento speciale, con forti accenti glam, alla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia: inevitabile, quando in giuria ti ritrovi personaggi del calibro di Ross Lovegrove, Greg Lynn, Giulio Cappellini, Lorenzo Fluxà, insieme alla “proprietaria di casa” Angela Vettese. Giuria? Sì, quella dell’edizione 2013 del Premio Moroso, che ha selezionato i tre vincitori fra i dodici […]

Appuntamento speciale, con forti accenti glam, alla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia: inevitabile, quando in giuria ti ritrovi personaggi del calibro di Ross Lovegrove, Greg Lynn, Giulio Cappellini, Lorenzo Fluxà, insieme alla “proprietaria di casa” Angela Vettese. Giuria? Sì, quella dell’edizione 2013 del Premio Moroso, che ha selezionato i tre vincitori fra i dodici artisti finalisti. Si tratta di Nico Vascellari, Linda Fregni Nagler, Luca Trevisani, che realizzeranno i propri progetti rispettivamente negli showroom Moroso di Milano, Londra e New York.
Il premio consiste infatti nell’opportunità di creare una installazione site specific per i flahship store dell’azienda nelle tre importanti capitali del contemporaneo globale; lo scorso anno il riconoscimento era andato ad Andrea Mastrovito, Loris Cecchini e Dragana Sapanjos. I tre vincitori per il 2013 si sono imposti su una rosa di finalisti che vedeva in corsa anche Alek O., Salvatore Arancio, Davide Balliano, Sergio Breviario, Giulio Frigo, Paolo Gonzato, Nicola Martini, Alessandro Piangiamore, Andrea Sala.

www.moroso.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.