Lo Strillone: ampio resoconto su Il Sole 24Ore per gli Stati Generali della Cultura. E poi “Le immagini di Dio”, aperitivi nei musei di Firenze, Tiepolo e Veronese in mostra ad Udine…

Li ha voluti, li ha organizzati, li ha condotti: Il Sole 24Ore racconta gli Stati Generali della Cultura con uno speciale di cinque pagine, con tanto di apertura in prima in taglio alto. Corriere della Sera, La Stampa e L’Unità si soffermano sul discorso del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; Il Giornale, Il manifesto e […]

Quotidiani
Quotidiani

Li ha voluti, li ha organizzati, li ha condotti: Il Sole 24Ore racconta gli Stati Generali della Cultura con uno speciale di cinque pagine, con tanto di apertura in prima in taglio alto. Corriere della Sera, La Stampa e L’Unità si soffermano sul discorso del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; Il Giornale, Il manifesto e Il Fatto Quotidiano sulla contestazione di una platea sanguigna ai ministri Barca, Profumo e – naturalmente – Ornaghi. Al titolare del dicastero dei Beni Culturali Pubblico pone otto domande in attesa di risposta: dalla Fondazione Grande Brera ai cantieri in una Venezia ribattezzata Benettown.

Il co-marketing funziona: Italia Oggi celebra Firenze, dove l’iniziativa degli “Aperitivi al Museo” messa in piedi con la locale azienda dei trasporti pubblici ha visto aumentare visite (12mila nei due appuntamenti ad Uffizi e Bargello) e abbonamenti del bus (+14%). Ampio risalto su La Repubblica a Le immagini di Dio (Einaudi) del teologo Francois Boespflug, analisi accurata sull’iconologia cristiana.

Tiepolo incontra Veronese, in mostra ad Udine e nel reportage su Sette. Su Il Venerdì spopola il Kentridge romano; mentre L’Espresso guarda alla Francia. Con la recensione alla mostra su Le Corbusier al Maxxi e con le corrispondenze di Massimiliano Fuksas, al Museo d’Orsay per la retrospettiva sull’età del ferro di Victor Baltard.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.