Doppio Kentridge a Roma. Al Teatro Argentina arriva lo spettacolo Refuse the hour, al Maxxi un pezzetto di Documenta con The refusal of time. E su Artribune l’anteprima foto e video…

Tre istituzioni romane, due progetti, un solo grande artista. Fondazione Romaeuropa, Maxxi e Teatro di Roma si presentano in schieramento congiunto per due appuntamenti con l’opera di William Kentridge. Dal 15 al 18 novembre il Teatro Argentina ospita lo spettacolo Refuse the hour, firmato dall’artista sudafricano in collaborazione con Dada Masilo, danzatrice e coreografa, le […]

Tre istituzioni romane, due progetti, un solo grande artista. Fondazione Romaeuropa, Maxxi e Teatro di Roma si presentano in schieramento congiunto per due appuntamenti con l’opera di William Kentridge. Dal 15 al 18 novembre il Teatro Argentina ospita lo spettacolo Refuse the hour, firmato dall’artista sudafricano in collaborazione con Dada Masilo, danzatrice e coreografa, le musiche di Philip Miller. Dal 17 novembre al 3 marzo 2013, la sala V del Maxxi riecheggia delle note classiche, delle voci di strada, dei colori densi e delle brezze teatrali di Vertical Thinking, mostra a cura di Giulia Ferracci.

The refusal of time, per la prima volta in Italia dopo dOCUMENTA(13), merita da sola la visita al museo di via Guido Reni. Si può trovare in questa installazione il Kentridge più autentico e vitale; il resto della mostra – serigrafie, bozzetti preparativi, opere della collezione Maxxi – diventa, a questo punto, un ottimo esercizio di riscaldamento per occhi e orecchie. De preparare anche con la fotogallery ed il video-blitz di Artribune

– Luca Labanca

Refuse the hour
15 – 18 novembre 2012
Teatro Argentina
Largo di Torre Argentina 52, Roma
orari spettacolo: giovedì e venerdì ore 21, sabato ore 19, domenica ore 17
biglietto: da €35 (intero) a €14 (ridotto)
live streaming on demand su telecomitalia.com
www.romaeuropa.net
www.teatrodiroma.net

Vertical Thinking
17 novembre 2012 – 3 marzo 2013
Maxxi, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo
Via Guido Reni 4A, Roma
www.fondazionemaxxi.it


 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luca Labanca
Luca Labanca si muove nel 2006 da Varese a Bologna per iniziare il percorso di studi del DAMS, curriculum Arte. Negli anni di residenza bolognese collabora stabilmente col bimestrale d’arte e cultura ART Journal, contemporaneamente idea e sviluppa progetti ed eventi di contaminazione culturale tra il Lago Maggiore e Lugano assieme allo scrittore e musicista Tibe. Nel 2010 ottiene la laurea con la tesi Fiat Lux sviluppata al fianco della docente in Semiotica dell’Arte, Prof.ssa Lucia Corrain. Nell’ottobre dello stesso anno si trasferisce a Roma per intraprendere il percorso magistrale in Studi storico artistici dell’Università la Sapienza, fin dai suoi esordi partecipa al progetto editoriale Artribune.