Si chiama museo, ma è una homegallery. Produzione, ricerca, scambio d’arte e cultura, a Bologna il nuovo spazio Orfeo

“Luogo di incontro, produzione, ricerca, scambio, in cui poter discutere d’arte e cultura, in un appartamento al secondo ed ultimo piano di un palazzo antico”. Con queste parole si presenta MuseOrfeo, la nuova HomeGallery che si inaugura nel cuore della città di Bologna, quasi ai piedi delle storiche Due Torri. A promuoverla Eugenio Santoro (vi […]

Uno scorcio di MuseOrfeo

Luogo di incontro, produzione, ricerca, scambio, in cui poter discutere d’arte e cultura, in un appartamento al secondo ed ultimo piano di un palazzo antico”. Con queste parole si presenta MuseOrfeo, la nuova HomeGallery che si inaugura nel cuore della città di Bologna, quasi ai piedi delle storiche Due Torri. A promuoverla Eugenio Santoro (vi sembra un nome familiare? Ovvio, è uno dei commentatori più prolifici su Artribune!), che sottolinea come si tratti dell’unico spazio espositivo in casa privata nel centro storico di Bologna.
Progetti? MuseOrfeo alternerà, nel corso dell’anno, personali o doppie personali dedicate a giovani artisti e autori già storicizzati, “anche del prolifico e sfuggente underground bolognese”. Inaugurazione affidata ad una mostra fotografica dell’artista Laura Zarrelli.

Inaugurazione: domenica 7 ottobre 2012 – ore 16.30
Via Orfeo 24 – Bologna
[email protected]

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.