L’omaggio di Milano a Garutti? Si scontra con la censura arancione della Banda Pisapia: e l’irrispettoso tricolore di Chiara Luraghi finisce sul retro della GAM

Alla faccia del riformismo, della nuova aria destinata a spazzare da Milano lo smog della gestione Moratti! Censura a cielo aperto alla Galleria d’Arte Moderna: sciatto episodio di miopia, aggravato da una circostanza – l’omaggio ai talenti scovati a Brera da Alberto Garutti – che dovrebbe nelle intenzioni festeggiare l’estro, l’azzardo, la carica creativa propria […]

Alla faccia del riformismo, della nuova aria destinata a spazzare da Milano lo smog della gestione Moratti! Censura a cielo aperto alla Galleria d’Arte Moderna: sciatto episodio di miopia, aggravato da una circostanza – l’omaggio ai talenti scovati a Brera da Alberto Garutti – che dovrebbe nelle intenzioni festeggiare l’estro, l’azzardo, la carica creativa propria della gioventù. Capita invece che Chiara Luraghi, 25 anni, inserita da Luca Cerizza nell’all stars degli allievi di Garutti – con Cuoghi, Pivi, Favaretto, Frigo ed altri – chiamata a confrontarsi con gli spazi neoclassici di Villa Reale, veda il proprio progetto avvilito da inattesa e incomprensibile ondata reazionaria.
Ho mangiato mille caramelle è un tricolore composto cucendo insieme gli involucri di altrettanti dolcetti Sperlari: scartati uno ad uno e ingurgitati dall’artista, che ironizza – sull’onda lunga delle celebrazioni unitarie – su quale sia il massimo sacrificio esigibile da generazioni contemporanee ormai afflosciate nel deboscio. L’opera avrebbe dovuto sostituire la bandiera che penzola dal balcone sulla facciata, con vista su via Palestro. Peccato arrivi il niet degli uffici comunali: per questioni di etichetta il tricolore non si sposta. È sacro. Inutile la missione dell’artista a Palazzo Marino, a colloquio con lo staff dello stesso sindaco Pisapia: scelta inamovibile. La dolce bandiera lì non ci può stare.
La Luraghi, però, cade in piedi: considerata tutta la vicenda la collocazione dell’opera su un altro balcone della GAM, che dà sul retro della villa, aggiunge ironia all’ironia. Per la città che mezzo secolo fa lanciava la Merda d’artista un tuffo nello stagno del conformismo; per la giunta che doveva svecchiare Milano un triste autogol.

– Francesco Sala

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.