Lo Strillone: sì ai privati per la gestione di Brera nel fondo di Panza su Corriere della Sera. E poi libri nelle opere d’arte, Rothko sfregiato alla Tate, il MiArt di De Bellis…

Il Fatto Quotidiano sguinzaglia gli internauti: tutti a caccia di immagini di opere d’arte dove compaia l’oggetto libro, da postare sulla pagina Facebook di Libreriamo. Si tratta di Art Reading Book: invito digitale alla lettura. Tutto Guttuso al Vittoriano e nella doppia pagina su La Repubblica. Una Fondazione privata per la gestione di Brera? Dopo […]

Quotidiani
Quotidiani

Il Fatto Quotidiano sguinzaglia gli internauti: tutti a caccia di immagini di opere d’arte dove compaia l’oggetto libro, da postare sulla pagina Facebook di Libreriamo. Si tratta di Art Reading Book: invito digitale alla lettura. Tutto Guttuso al Vittoriano e nella doppia pagina su La Repubblica.

Una Fondazione privata per la gestione di Brera? Dopo la petizione di Tomaso Montanari e Vittorio Emiliani per dire no, arriva quella per dire sì: in un fondo di Panza su Corriere della Sera. Opere vive su Quotidiano Nazionale: dalla Tate lo sfregio a Rothko, “arricchito” dall’intervento dello yellowista Vladimir Umanets. Dall’Opificio delle Pietre Dure il restauro dell’Adorazione dei Magi.

In riva all’Arno anche Avvenire per Bacon alla Strozzina. Ma sul quotidiano della CEI l’apertura di pagina è per Francesco Guardi in mostra a Venezia. Il MiArt di De Bellis anticipato da Il Giornale.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.