Palermo, la felicità di volare in Cina. Unica città italiana alla Biennale di Shanghai. Ecco (quasi) tutti gli artisti invitati, dai Saccardi a Emma Dante

Palermo felicissima. Mai titolo suonò più stridente. Scelto non si sa se per provocazione o per genuino ottimismo. Così si chiama la mostra, curata da Laura Barreca e Davide Quadrio, che il 1 ottobre porterà alla Biennale di Shanghai una rosa di artisti, testimonial del capoluogo siciliano per il progetto City Pavillion. Una cosa è […]

Laboratorio Saccardi, Cinacria - Sicilian Jesuit in China in the 17th Century, 2012 - dettaglio

Palermo felicissima. Mai titolo suonò più stridente. Scelto non si sa se per provocazione o per genuino ottimismo. Così si chiama la mostra, curata da Laura Barreca e Davide Quadrio, che il 1 ottobre porterà alla Biennale di Shanghai una rosa di artisti, testimonial del capoluogo siciliano per il progetto City Pavillion.
Una cosa è certa: di felicissimo Palermo non ha proprio niente, al momento. Uno scenario malconcio e zoppicante, in cui il vuoto culturale e istituzionale è colmato solo dai cumuli di spazzatura per strada. E allora fa piacere apprendere che, in qualche parte del mondo, si ricordano della conca d’oro magnifica e odorosa, scelta accanto a metropoli come Mumbai, Istanbul, Taipei, Londra, Berlino, San Francisco, per una ricognizione urbana di portata mondiale. Viene quasi il dubbio che l’abbiano fatto apposta. Come dire: siete talmente messi male in Italia, che a vostra esemplare rappresentanza prendiamo una delle città più martoriate, la regina dell’isola trinacria: un mezzo cadavere sopra un vecchio battello alla deriva in mezzo al mare.
Ma poi torniamo a credere che no, Palermo andrà a Shanghai perché è una città bella, gioiosa, radiosa. Nostra signora Panormus: non felicissima ma potentissima, sempre. Tra miseria e nobiltà.

Francesco Simeti, Wasteland, 2011, courtesy Francesca Minini, Milano – foto Agostino Osio

Si va in Cina, dunque. Al Museo d’Arte contemporanea di Shanghai, dentro il Future Pavillion, ex-centrale elettrica già utilizzata per l’Expo 2010. Sugli undici nomi, che per i curatori meglio restituiscono il genius loci, s’è molto chiacchierato. E noi – tra rumors e indiscrezioni – riusciamo ad anticiparveli quasi tutti. Le linee individuate sono due: da un lato i palermitani di successo, quelli più internazionali, magari con base all’estero e legati a gallerie importanti. Dall’altro i non palermitani, anch’essi con carriere avviate, se non ultra consolidate, che da Palermo sono passati.
Del primo gruppo fanno parte Manfredi Beninati, Francesco Simeti e, per il teatro, Emma Dante, che ripropone il suo spettacolo del 2001 mPalermu. Di Simeti sappiamo che realizzerà un wall paper ispirato ai paesaggi di Francesco Lojacono, col supporto scientifico della Gam. À côté, troviamo Massimo Bartolini, Lee Kit – che rappresenterà Hong Kong alla prossima Biennale di Venezia – e Guo Hongwei, tra i nuovi pupilli orientali di James Cohen. Il rapporto con Palermo? Più un pretesto, che una vera liaison. Se Bartolini aveva realizzato un’installazione al Museo Riso, i due emergenti avevano esposto nella sede palermitana della Galleria Aike-dell’Arco (ormai attiva quasi unicamente a Shanghai).

Guo Hongwei, Bird No. 2., 2011

E poi c’è il Laboratorio Saccardi. Giovani, senza mega-gallerie né biennali in agenda, sono un po’ gli outsider, la scheggia impazzita della selezione panormita: politicamente scorretti, iperattivi, in certi casi geniali, in certi altri naif, fanno storia a sé, con un linguaggio sicuramente personale. Per Shanghai realizzano “Cinacria – Sicilian jesuit in china in the 17th century“, un polittico sulle tratte dei Gesuiti percorse dalla Sicilia alla Cina nel Seicento, di cui pubblichiamo un dettaglio in anteprima.
Infine, giusto una voce di corridoio. Un nome che avremmo intercettato sarebbe quello di Formafantasma, acclamato duo di designer italiani trapiantati in Olanda – attualmente impegnati anche con Fendi – che alla Sicilia ha dedicato diversi progetti.
I fondi per l’intera operazione? Oltre la budget messo a disposizione dalla Biennale, il resto arriva dalla Regione Siciliana e da due sponsor privati: una grossa azienda d’abbigliamento cinese ed Elenka, il patron del gelato siculo, già illuminato supporter di altri progetti d’arte contemporanea sull’isola.

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.