Lo Strillone: Lucian Freud addicted delle corse ai cavalli su La Stampa. E poi Chateau Giscard D’Estaing, Museo della Bibbia a Washington, Occupy Cinecittà…

Il vizietto di Lucian Freud: giocare ai cavalli. L’intuizione del suo allibratore, Alfie McLean: farsi pagare i debiti in tele. Su La Stampa la storia di una fortuna milionaria costruita a botte di puntate. Per chi è ancora a caccia di affari vale la pena un giro in Francia: Italia Oggi annuncia l’asta per il […]

Quotidiani
Quotidiani

Il vizietto di Lucian Freud: giocare ai cavalli. L’intuizione del suo allibratore, Alfie McLean: farsi pagare i debiti in tele. Su La Stampa la storia di una fortuna milionaria costruita a botte di puntate. Per chi è ancora a caccia di affari vale la pena un giro in Francia: Italia Oggi annuncia l’asta per il castello di Varvasse (base un milione e mezzo di euro) di proprietà dell’ex presidente Giscard D’Estaing. In vendita anche il ricchissimo mobilio, dalla pendola stile Impero di Lepaut alle cassettiere del XVIII secolo. Tutta roba di marca: mica Ikea!

Per Avvenire Washington sarebbe pronta ad accogliere il Museo della Bibbia, mentre Silvia Kramar – inviata de Il Giornale a New York – paventa l’inizio di una stagione di tremebondi kolossal religiosi. Preparatevi a Russell Crowe che interpreta Noé per Daren Aronofsky, mentre Paul Verhoven reinterpreta la vita di Cristo in un biopic che vede la Vergine… tale solo di nome! A casa nostra, intanto, Giulio Scarpati racconta i perché dell’occupazione di Cinecittà a L’Unità.

Duecento tele di Dario Fo in mostra a San Marino valgono l’apertura di pagina su Quotidiano Nazionale, Willi Baumeister al Mart nelle brevi di Europa. Tenetevi forte: Libero annuncia che oggi partono gli scavi per aprire la prima delle tombe che, in Firenze, potrebbero nascondere la Gioconda.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.