L’ottavo Re di Roma, ora alla conquista di Venezia. Emmanuele Francesco Maria Emanuele entra nel Cda della Fondazione Biennale

Il suo curriculum, che già richiederebbe spazio come pochi altri – in ambito managerial-culturale – in Italia, si allunga ancora, e con una riga assai prestigiosa. I suoi “titoli” qualificanti sono comunque quello di Presidente dell’attivissima Fondazione Roma, con conseguente gestione dei due musei Del Corso e di Palazzo Sciarra Colonna, e di Presidente dell’Azienda […]

Emmanuele Francesco Maria Emanuele
Emmanuele Francesco Maria Emanuele

Il suo curriculum, che già richiederebbe spazio come pochi altri – in ambito managerial-culturale – in Italia, si allunga ancora, e con una riga assai prestigiosa. I suoi “titoli” qualificanti sono comunque quello di Presidente dell’attivissima Fondazione Roma, con conseguente gestione dei due musei Del Corso e di Palazzo Sciarra Colonna, e di Presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo, che non ha bisogno di altre specifiche. Ora a questi, sul biglietto da visita di Emmanuele Francesco Maria Emanuele, si aggiungerà anche quello di consigliere di amministrazione della Fondazione la Biennale di Venezia.
Nelle more della riconferma di Paolo Baratta alla presidenza, infatti, il ministro per i Beni Culturali Lorenzo Ornaghi – che pare muoversi con passi felpati, che più felpati non si può – ha indicato proprio Emanuele come membro di nomina ministeriale, che con l’altra new entry Francesca Zaccariotto, Presidente della Provincia di Venezia, completa i ranghi del nuovo Cda. “Saluto con grande cordialità il Professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele che il Ministro ha cooptato nel consiglio di amministrazione – ha dichiarato il governatore del Veneto Luca Zaia -. Si tratta di un intellettuale di grande valore che di sicuro saprà portare la sua esperienza e il suo bagaglio di relazioni e cultura nel più prestigioso ente culturale del Paese”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.