Una piccola Parigi, a Parigi. Nel Parc de la Villette squilla la Ville Intelligente di Jakob+MacFarlane

Un piccolo padiglione nel Parc de la Villette. Di un arancione squillante, fin troppo visibile. È l’opera dello studio parigino Jakob+MacFarlane – quelli della Cité de la Mode et du Design, tanto per citare la loro impresa forse più conosciuta -, che è stato chiamato ad elaborare per Artevia e Orange Group (qui spiegata la […]

La Ville Intelligente_© JAKOB+MACFARLANE_ 11h45 photographer

Un piccolo padiglione nel Parc de la Villette. Di un arancione squillante, fin troppo visibile. È l’opera dello studio parigino Jakob+MacFarlane – quelli della Cité de la Mode et du Design, tanto per citare la loro impresa forse più conosciuta -, che è stato chiamato ad elaborare per Artevia e Orange Group (qui spiegata la scelta cromatica) un guscio dalla fisionomia organica, simile ad un grande coleottero mansueto.
Si chiama la Ville Intelligente, ed altro non è che uno spazio dedicato ad un’esposizione Temporanea di arte con-temporanea: 370 mq che, per un breve periodo, ospiteranno eventi e vernissages. A giungo, quattro giorni di Hello Demain, passeggiata nel cuore di quell’innovazione che vuole cambiare il nostro stile di vita.
Assemblato con una struttura super leggera a tubolari metallici e tessuto tecnico idrorepellente rubato alla Ferrari, il piccolo padiglione si presenta con un’ossatura estrusa che sorregge una tensostruttura: talmente semplice, smontabile e leggera da rendere possibile qualsiasi situazione espositiva, più o meno ovunque e senza limitazioni.
“La Ville Intelligente – spiegano i due architetti – è stata concepita come una futura ‘Parigi’, o come una struttura nella quale le arterie siano connesse alla metropoli, entrando e divertendosi all’interno di uno spazio in cui la gente possa riscoprire nuove connessioni con la città, le periferie, le strade e i luoghi… una nuova scenografia urbana di reti ed oggetti”.
La notte, la sua luce calda ed arancione (by LightLab), addolcisce i profili della vicina Geode, rendendo la struttura ancor più effimera, interattiva e sinuosa.

– Giulia Mura

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.