Andreotta Calò, Di Massimo, Paci, Trevisani. Ecco i finalisti del Premio Italia Arte Contemporanea

  Se ne è parlato assai, ultimamente, specie per le prese di posizione anti-padiglioneitaliano-a-venezia della vincitrice della prima edizione, Rossella Biscotti. Ora, a pochi giorni dalla conclusione al Maxxi della mostra delle opere della vincitrice e degli altri finalisti – Gianluca e Massimiliano De Serio, Rosa Barba, Piero Golia – il Premio Italia Arte Contemporanea […]

 

Se ne è parlato assai, ultimamente, specie per le prese di posizione anti-padiglioneitaliano-a-venezia della vincitrice della prima edizione, Rossella Biscotti. Ora, a pochi giorni dalla conclusione al Maxxi della mostra delle opere della vincitrice e degli altri finalisti – Gianluca e Massimiliano De Serio, Rosa Barba, Piero Golia – il Premio Italia Arte Contemporanea entra già nel vivo della seconda edizione.
È infatti proprio il Maxxi, sempre più snodo delle vicende della contemporaneità nostrana, a comunicare i nomi dei 4 finalisti, scelti tra una rosa di artisti italiani o residenti in Italia, che non hanno superato i 45 anni d’età. E la giuria, composta da Elena Filipovic – curatore al WIELS Contemporary Art Center (Bruxelles) -, Udo Kittelmann – Direttore Staatliche Museen (Berlin) -, Jessica Morgan – curatore Tate Modern (Londra) -, dal Direttore del Maxxi Arte Anna Mattirolo e dall’artista Luigi Ontani, ha scelto Giorgio Andreotta Calò, Patrizio Di Massimo, Adrian Paci e Luca Trevisani.
Ai quattro finalisti il Maxxi dedicherà a dicembre 2011 una mostra con opere prodotte per l’occasione dal museo. Sulla base dei lavori realizzati, la giuria decreterà il vincitore. La sua opera entrerà a far parte della collezione permanente del Maxxi e all’artista verrà dedicato un catalogo monografico.

www.fondazionemaxxi.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.