Tesori gotici del Tardo Medioevo. Dalla Slovacchia a Roma

Palazzo del Quirinale, Roma – fino al 13 novembre 2016. Una miscellanea di opere del periodo Tardo Gotico provenienti dai musei e dalle chiese slovacche e restaurate per l’occasione. Una collaborazione efficace e amichevole che mette in luce l’influenza delle correnti culturali e spirituali europee alla vigilia del Rinascimento.

Compianto sul Cristo morto - Parrocchia di san Giacomo, Levoča
Compianto sul Cristo morto - Parrocchia di san Giacomo, Levoča

SLOVACCHIA IN MOSTRA
Al Palazzo del Quirinale in mostra Tesori Gotici dalla Slovacchia, un’esposizione – realizzata in occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea affidata alla Slovacchia – che ne celebra il prestigioso patrimonio artistico e culturale. Protagonisti due gruppi di opere tra quelle ispirate agli episodi di Cristo sino al susseguirsi di preziosi oggetti liturgici concepiti e realizzati nelle botteghe degli orafi slovacchi.
Apre la narrazione lo splendido dipinto del 1513 con Sant’Anna; sullo sfondo si scorge il paesaggio slovacco ricco di miniere, un rimando all’attività mineraria presentata in modo puntuale attraverso il succedersi delle fasi, dall’estrazione alla fusione sino alla realizzazione dei preziosi manufatti che ornano il capo della Madonna. Il tutto contornato da un paesaggio che si congiunge con il cielo grazie alle presenze arboree.
La ricchezza di uno Stato illustrata nei calici, nelle croci, negli ostensori in cui Cristo si fa personificazione della sintesi tra Vecchio e Nuovo Testamento; monete antiche inserite all’interno di calici cesellati con arte; preziosi che riprendono, nella loro decorazione, i motivi architettonici delle chiese slovacche, offrendo all’osservatore la visione di un gotico fiammeggiante. Motivi architettonici del paesaggio in cui si inseriscono rappresentazioni di santi; temi interpretati secondo l’estro degli artigiani locali in cui gli angeli si fanno strumenti della resurrezione e i volatili rappresentazione allegorica del sacrificio di Cristo.

Compianto sul Cristo morto - Parrocchia di san Giacomo, Levoča
Compianto sul Cristo morto – Parrocchia di san Giacomo, Levoča

OPERE PREZIOSE
L’ampia produzione dello scultore e maestro di legno Pavol di Levoča costituisce la base della mostra; una figura straordinaria che ha illuminato la Slovacchia, ancora oggi misteriosa, ma che fu artefice di splendidi capolavori come l’altare ligneo più alto del mondo collocato nella Chiesa di San Giacomo a Levoča, nella regione dello Spiš. Un’abilità nella lavorazione del legno resa evidente dalle pieghe delle vesti, la serenità dei volti dei personaggi, la morbidezza e delicatezza dei gesti del Presepe, in cui le mani si muovono eleganti, con le lunghe e affusolate dita.
Pavol di Levoča si distingue ancora nel Compianto sul Cristo morto in cui Cristo sembra guardare lo spettatore cinto dalla disperazione di Maria, mentre, nelle retrovie, già si apprestano ad allestirne la sepoltura; occhi di dolore dai quali sgorgano lacrime che solcano il viso degli attori.
Opere dall’inestimabile valore che permettono al pubblico di ammirare capolavori mai usciti dal territorio slovacco e di conoscere il ricco e variegato passato durante il quale la Chiesa era in grado di imporre una cultura uniforme in tutta l’Europa.

Ilenia Maria Melis

Roma // fino al 13 novembre 2016
Tesori gotici dalla Slovacchia
PALAZZO DEL QUIRINALE
Piazza del Quirinale
http://palazzo.quirinale.it/

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/56406/tesori-gotici-dalla-slovacchia/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ilenia Maria Melis
Ilenia Maria Melis è giornalista e blogger. Laureata con il massimo dei voti in Storia e Conservazione del Patrimonio Artistico, indirizzo Archeologico, presso l’Università degli Studi Roma Tre, da sempre ama l’arte e l’archeologia, probabilmente affascinata dagli splendori della Capitale in cui vive. Sostenitrice della cultura, fonda nel 2016 “Orizzonte Cultura, miscellanea culturale in viaggio da Roma”, un contenitore di arte, archeologia, viaggi, enogastronomia e curiosità in continua evoluzione. Da anni collabora con riviste e blog di settore cercando di descrivere la cultura con trasporto e sentimento così da affascinare il lettore.