Silenzio bianco. Per Barclay a Palermo

Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo – fino al 26 novembre 2016. La personale dell’artista norvegese offre una rara, sacra, occasione di silenzio in una città fatta di viscere e rumori come il capoluogo siciliano.

Per Barclay – Bianco Palermo - exhibition view at Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo 2016
Per Barclay – Bianco Palermo - exhibition view at Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo 2016

Sacra e sacrilega è l’azione di Per Barclay (Oslo, 1955) all’interno di un luogo sconosciuto e mistico, l’oratorio secentesco – barocco e neoclassico insieme – di Santa Caterina d’Alessandria: qui l’artista norvegese dispiega una narrazione, mai urlata, dell’agiografia della santa, inondando di latte la navata unica. Le fotografie di grande formato fissano, mediante lo scatto, la distesa di bianco etereo e traslucido che assorbe e riflette luci e ombre dei marmi policromi e della pittura della volta. Lì si specchia, inoltre, il candore degli stucchi di Procopio Serpotta, figlio di Giacomo. Mediante un’assoluta purezza, lo straniamento, oltre ogni quando e ogni dove, è compiuto: la visionarietà estatica di Barclay trasforma un luogo reale di Palermo in uno spazio sospeso dove alberga, sommersa, la meraviglia.

Giusi Affronti

Palermo // fino al 26 novembre 2016
Per Barclay – Bianco Palermo
a cura di Agata Polizzi
FRANCESCO PANTALEONE
Via Vittorio Emanuele 303
091 332482
[email protected]
www.fpac.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/56841/per-barclay-bianco-palermo/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giusi Affronti
Giusi Affronti (Palermo, 1985) è storico dell’arte e curatore; vive a Milano e Palermo e lavora nella ricerca su linguaggi e fenomenologie della cultura visiva contemporanea. Si laurea a Palermo e, poi, trascorre due anni tra Milano e Roma per un master in Museologia, Museografia e Gestione dei Beni Culturali, dove impara a sperimentare pratiche di project management e strategie di comunicazione, marketing e fundraising applicate alla cultura. Dal 2011 si occupa di progettazione e curatela di arte contemporanea presso musei, fondazioni, gallerie e spazi indipendenti; ha collaborato con RISO. Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Palermo), Farm Cultural Park (Favara), Fondazione VOLUME! (Roma), Nuvole, Galleria X3, neu [nòi] - spazio al lavoro (Palermo). Ha pubblicato saggi e testi in cataloghi e pubblicazioni indipendenti. Oggi è redattore per le testate Artribune e Q Code Magazine, dove è autore di un blog di critica d’arte narrativa, “So Contemporary!”. Di un’isola (panama sulla testa e sandali ai piedi) ha sempre necessità, ché - come scrive Gesualdo Bufalino – “l’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore”.