Dialoghi e alchimie. H.H. Lim a Macerata

Galleria dell’Accademia di Belle Arti, Macerata – fino al 15 settembre 2016. L’artista malese approda nelle Marche con una mostra che innesca un dialogo efficace con il pubblico. Sul filo di alchimie interdisciplinari.

H.H. Lim – Silenzio, ma non troppo - exhibition view at Galleria dell’Accademia di Belle Arti, Macerata 2016
H.H. Lim – Silenzio, ma non troppo - exhibition view at Galleria dell’Accademia di Belle Arti, Macerata 2016

Artista multiforme e attento osservatore del presente, H.H. Lim (Kedah, 1954; vive a Roma) analizza e traccia segni di vissuto quotidiano. In un percorso che si snoda tra forme immobili, disegni, proiezioni e installazioni, Lim realizza tre opere inedite, in dialogo con il pubblico: tre grandi tavole bianche dove campeggiano le scritte Ridare la vista ai ciechi, Ridare l’udito ai sordi, Ridare la voce ai muti – espressioni forti e incisive che reclamano spazi, suoni e immagini di alchemici sconfinamenti interdisciplinari.
Su lavagne bianche gli spettatori sono invitati a esprimere liberamente pensieri e riflessioni e a riversare babelici racconti personali. Linee, parole e lettere restituiscono caleidoscopici frammenti e tessere di realtà, mentre registrazioni voraci di atmosfere, sciolte da ogni repertorio precostituito, si abbracciano in un processo di creazione del vero, del sentito e dell’odierno.

Silvia Papa

Macerata // fino al 15 settembre 2016
H.H. Lim – Silenzio, ma non troppo
a cura di Antonello Tolve
GABA.MC
Piazza Vittorio Veneto 7
0733 405111
www.abamc.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/54951/h-h-lim-silenzio-ma-non-troppo/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Papa
Storico dell’arte. Laureata in Storia e Conservazione dei Beni Culturali – indirizzo Storico Artistico – con una tesi quadriennale in Museologia e una seconda Laurea in Lettere con una tesi in Storia della lingua italiana, ha studiato all’Università di Copenhagen e ha insegnato lingua e letteratura italiana all’Università svedese di Falun. Da alcuni anni collabora come autore e redattore per riviste e blog, conferenziere e curatore di mostre per l’azienda di servizi per l’archeologia e i beni culturali ABACO Società Cooperativa.