Due amici dell’arte. Michelangelo e Vasari in dialogo a Firenze

Palazzo Medici Riccardi, Firenze – fino al 24 luglio 2016. Per la prima volta Firenze accoglie i documenti di maggiore pregio dell’Archivio Vasari, stabilmente conservato nella Museo Casa Vasari, ad Arezzo. Ne emerge il ritratto intimo e commovente di un Buonarroti che, seppur in età avanzata, non può rinunciare a ragionare di arte e architettura. E l’attitudine verso la poesia che gli valse l’appellativo di “artista quadruplo”.

Archivio Vasari - Ritratto di Michelangelo
Archivio Vasari - Ritratto di Michelangelo

UNA MOSTRA PREZIOSA
Riesce nel “miracolo” di avviare una nuova stagione di collaborazione tra varie istituzioni toscane, la mostra Michelangelo e Vasari. Preziose lettere all’«amico caro» dall’archivio Vasari, in corso a Firenze, nel centralissimo Palazzo Medici Riccardi e, come annunciato, destinata nell’immediato futuro ad essere replicata ad Arezzo. Curata da Elena Capretti e Sergio Risaliti – di nuovo insieme dopo 1564-2014 Michelangelo. Incontrare un artista universale, esperienza espositiva ideata e coordinata da Cristina Acidini per i Musei Capitolini, in concomitanza del 450esimo anniversario della morte del gigante indiscusso dell’arte italiana – l’esposizione tratteggia il profilo umano della poliedrica figura di Giorgio Vasari attraverso l’espediente delle sue epistole destinate a illustri personalità del suo tempo: artisti, committenti, eruditi, ma anche uomini di potere tra cui Cosimo I de’ Medici.
A conferire ulteriore rilievo all’iniziativa è la genesi stessa della mostra. L’ultimazione dell’intervento di restauro che ha coinvolto un cospicuo nucleo delle comunicazioni scritte da Michelangelo Buonarroti e indirizzate a Giorgio Vasari ha infatti concesso l’occasione per promuovere un avvicinamento e una nuova analisi dei preziosi documenti. Oltre al processo conservativo, la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana ha promosso e diretto anche la digitalizzazione dell’intero archivio dell’autore de Le Vite de’ più eccellenti pittori, scultori, e architettori: già dichiarato di notevole interesse storico e sottoposto a vincolo, tramite decreto ministeriale, risulta di proprietà privata, appartenendo ai fratelli Festari. La tormentata vicenda di cui l’intero corpus documentario è stato protagonista, a partire dal 1687, sembra intanto avviarsi verso una stagione nuova grazie proprio alla digitalizzazione. In tre luoghi – ad Arezzo, presso il Museo di Casa Vasari e l’Archivio di Stato; a Firenze, presso la Biblioteca della Soprintendenza Archivistica e Bibliotecaria della Toscana – l’eredità vasariana è divenuta pienamente accessibile nella forma di circa 12.000 file-immagine ad alta definizione.

Archivio Vasari - Ritratto di Vasari
Archivio Vasari – Ritratto di Vasari

“UN LEMBO DEL SECOLO D’ORO”
Nelle vesti di “Ministro della cultura ante litteram” alla corte de’ Medici – così come in quelle di confidente, di consigliere, di biografo e di uomo spinto ad arginare con la parola scritta la “voracità del tempo” – Giorgio Vasari condivide il ruolo di protagonista della mostra fiorentina con Michelangelo. Il disvelamento della relazione di progressiva confidenza tra i due, celebrata dall’autore de Le Vite il quale, con palese vanto, dichiara che nessuno “possa mostrare maggior numero di lettere scritte da lui proprio, né con più affetto che egli ha fatto a me”, si delinea con pienezza nella terza e nella quarta sala. Preceduti dalla ricostruzione delle complesse contingenze legate all’eredità dei manoscritti vasariani e dall’indagine del sodalizio tra l’aretino, Cosimo I de’ Medici – suo principale committente, nonché indefesso estimatore e attento ascoltare di ogni possibile consiglio – e altri contemporanei, gli ambienti a conclusione del percorso espositivo rendono evidenza dell’evoluzione del rapporto epistolare con il Buonarroti.

Archivio Vasari - Ritratto di Michelangelo
Archivio Vasari – Ritratto di Michelangelo

UN VIAGGIO NELLA PAROLA
Al visitatore il privilegio di concentrarsi sul valore e sul segno della parola scritta, estraniandosi dal contesto. Frase dopo frase, vetrina dopo vetrina, la parola diviene slancio, ispirazione, sentimento, nostalgia, vergogna per gli errori professionali, disaffezione per la creazione, attesa per il divino giudizio post mortem, ma anche tensione per la possibile minaccia di una morte che potrebbe costituire una fine davvero definitiva: fisica sì, ma anche spirituale. “Giunto è già ‘l corso della vita mia” – scrive Michelangelo a Vasari il 19 settembre 1554 – “con tempestoso mar / per fragil barca al comun porto / ov’a render si varca conto e ragion d’ogni opra trista e pia / Onde l’affettuosa fantasia / che l’arte mi fede idol e monarca, / conosco or ben com’era d’error cara”.
Tre i sonetti autografi compresi, oltre ad alcuni schizzi spontanei, nelle lettere destinate al Vasari: anch’essi costituiscono quelle “prove liriche” che l’autore della Cappella Sistina scelse di non pubblicare in vita, ma dalle quali i contemporanei furono ispirati nel coniare la definizione di “artista quadruplo”: Michelangelo pittore, scultore, architetto e poeta. Una mostra documentaria, in cui quel “lembo del secolo d’oro”, attingendo alla definizione che di questo Archivio diede Ugo Ojetti sul Corriere della Sera nel 1908, sembra capace di restituire soprattutto l’ansia di eternità propria dell’esperienza umana.

Valentina Silvestrini

Firenze // fino al 24 luglio 2016
Michelangelo e Vasari.
a cura di Elena Capretti e Sergio Risaliti
PALAZZO MEDICI RICCARDI
Via Camillo Benso Conte Di Cavour 3
055 2760340

www.palazzo-medici.it
www.michelangeloevasari.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/53559/michelangelo-e-vasari/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.