L’utilità dell’inutile. Il collezionismo a Venezia

Castello925, Venezia – fino al 20 giugno 2016. Arte contemporanea, antiquariato, tecnologia, fotografia e arredo d’interni dialogano nella collettiva “In the chaos of memories”. Una mostra su collezionismo, desiderio e memoria.

In the chaos of memories - installation view at Centro di ricerca sull’arte contemporanea Castello925, Venezia 2016
In the chaos of memories - installation view at Centro di ricerca sull’arte contemporanea Castello925, Venezia 2016

Il filosofo cinese Chuang-tzu sosteneva che tutti conoscono l’utilità dell’utile, ma pochi quella dell’inutile. Nel contesto suggestivo dei Giardini, a pochi passi dalla Biennale inaugurata lo scorso mese, un allestimento in due stanze d’epoca propone un chaos solo apparentemente inutile di fotografia, pittura, modernariato e artigianato che esemplifica ed evoca concetto e pratica del collezionismo. Trasformando un assemblage a prima vista ornamentale in exemplum per collezionisti in erba, il raffinato testo critico di Jens Soneryd ricorda, citando Freud e Benjamin, che collezionare è sì salvare dall’oblio, ma anche toccare e tramutare, come maghi, la storia. Al di là dell’aspetto nevrotico e accumulatorio, il collezionista è un creativo, un individuo che crea legami sociali e di pensiero. E così l’inutile, suggerisce la vetrina di Salonistes, produce ciò che è più utile: il desiderio di trascendere il miraggio consumistico della società.

Margherita Zanoletti

Venezia // fino al 20 giugno 2016
In the chaos of memories

a cura di SALONISTES (Orseola Barozzi, Chiara Zanella) e Jens Soneryd
CASTELLO925
Fondamenta San Isepo
[email protected]
www.salonistes.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/54083/in-the-chaos-of-memories/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Zanoletti
Con Francesca di Blasio ha pubblicato la prima traduzione italiana di “We are Going” dell’autrice e artista aborigena australiana Oodgeroo Noonuccal; con Pierpaolo Antonello e Matilde Nardelli ha co-curato “Bruno Munari: the Lightness of Art”. Dal 2004 idea e collabora a progetti formativi, editoriali ed espositivi connessi ad arte e scrittura contemporanee. Dal 2010 lavora presso l’Università Cattolica di Milano. Collabora con Artribune dal 2014.