L’arte, che rivoluzione!

Il percorso delle avanguardie russe, ovvero quando l’arte era al servizio della rivoluzione. Dal Neoprimitivismo al Costruttivismo in 70 opere, perlopiù pittoriche. In una mostra che delude le aspettative, allestita nel nuovo spazio espositivo dell’Ara Pacis a Roma. Fino al 2 settembre.

Kazimir Malevich - Suprematismo. Composizione non-oggettiva - 1915 - Museo di Belle Arti di Ekaterinburg

Breve ma particolarmente intenso, si potrebbe definire il percorso dell’avanguardia russa, o meglio delle avanguardie, poiché si parla di differenti tendenze riunite in gruppi, legate indissolubilmente, com’è noto, al movimento rivoluzionario. A iniziare da una prima cultura estetica vincolata dalla tradizione con radici tardo-bizantine, della quale si fanno protagonisti Natalia Goncharova e Mikhail Larionov. Un ritorno al primitivismo che fa da spartiacque al Raggismo e al Cubofuturismo con Kazimir Malevich – il pittore che amava le icone – magistrale e singolare interprete.
È l’epoca del Fante di Quadri (1910), seguito l’anno successivo dalla Coda d’Asino, movimenti che si rifanno all’avanguardia francese mentre guardano al Futurismo. Ma sono anche gli anni della divisione dell’atomo che Kandinsky interpreta come disgregazione dell’universo passando dai paesaggi fiabeschi all’Astrattismo. Seguito, tra gli altri, dalla Rozanova e dalla Popova, mentre Chagall – anch’egli in mostra – rivendica la sua totale indipendenza alle avanguardie.

Avanguardie Russe – veduta della sala con Kandinsky – Ara Pacis, Roma 2012

Allestita nei nuovi spazi espositivi dell’Ara Pacis – che lasciano a desiderare per illuminazione e disposizione talvolta dispersiva, tal altra soffocante dei pannelli multicolori -, la mostra non segue un percorso cronologico ma è suddivisa per movimenti. 70 opere con l’ambizioso obiettivo di ricostruire il complesso e multiforme percorso delle avanguardie russe. Dal Neoprimitivismo al Costruttivismo, con alcuni autori misconosciuti e altri grandi assenti come Lissitzky. Un assaggio, il minimo indispensabile per comprendere come si sia svolta, a grandi linee, quell’arte messa al servizio della rivoluzione che, tra Mosca e San Pietroburgo, ha coinvolto tutti i possibili linguaggi estetici dell’epoca.
Nel 1915 dal Cubofuturismo – il cui manifesto è da ricercarsi nel celebre Arrotino di Malevich che non compare in mostra – nasce il Suprematismo (rappresentato da due sole Composizioni e un Quadrato), realtà cosmica priva di oggetti raggiungibile attraverso la forma assoluta che non sia semplice raffigurazione geometrica bensì intima essenza della pittura, che conduce l’artista verso un deserto dove nulla è riconoscibile, eccetto la sensibilità.

Marc Chagall – Lo spazzino e gli uccelli – 1914 – Galleria Statale d’Arte dell’Astrakhan P.M. Dogadin

Fulcro dell’innovazione estetica russa nasce in contemporanea al Costruttivismo di Tatlin e Rodchenko, movimento proiettato verso una funzione progettuale e operativa dell’arte attraverso il linguaggio schematico della tecnologia industriale. Il cui emblema, di cui rimangono diversi modelli in scala, è il Monumento alla III Internazionale. Torre meccanica dai complessi congegni (relegata insieme ad altri modellini in un inaspettato e stretto corridoio) per la quale i dadaisti berlinesi inneggiarono: “L’arte è morta. Viva la nuova arte meccanica di Tatlin”.
Arte che non avrà lunga vita. Infatti nel 1935, con la morte di Tatlin, le avanguardie giungono al termine, per essere rimpiazzate dal retorico e totalitario Realismo socialista.

Roberta Vanali

Roma // fino al 2 settembre 2012
Avanguardie Russe
a cura di Viktoria Zubravskaya
ARA PACIS
Via di Ripetta
06 0608
www.arapacis.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.