È nata la piattaforma digitale dedicata a Manzoni: tutto sul grande autore italiano

Romanzi, componimenti poetici, documenti e corrispondenza privata: il mondo letterario di Manzoni va online su una nuova piattaforma, realizzata grazie alla Biblioteca Braidense, al Centro Nazionale di Studi Manzoniani di Milano e a varie università. L’obiettivo è diventare un punto di riferimento per gli studiosi di tutto il mondo

Francesco Hayez, Ritratto di Alessandro Manzoni (dettaglio)
Francesco Hayez, Ritratto di Alessandro Manzoni (dettaglio)

Amata o odiata, l’opera di Alessandro Manzoni (Milano, 1785-1873) è un retaggio sedimentato nella memoria di ogni studente italiano. La produzione letteraria dell’autore italiano, che culmina con i Promessi Sposi ma comprende numerosi altri scritti, viene raccolta ora in un unico portale, nato grazie alla collaborazione di studiosi provenienti da vari istituti: dalle Università di Parma, Milano, Pavia, Losanna, Bologna e Roma, con l’apporto della Biblioteca Nazionale Braidense (BNB) e del Centro Nazionale di Studi Manzoniani (CNSM) di Milano. Il nome della piattaforma è Manzoni Online.

IL NUOVO PORTALE MANZONI ONLINE

Si tratta di un grande progetto work in progress – il sito è infatti in continuo aggiornamento, man mano che vengono catalogati e digitalizzati nuovi materiali per essere messi a disposizione del pubblico – e l’obiettivo è recuperare l’intera bibliografia e l’intera critica storica dell’opera manzoniana. Manzoni Online è quindi uno strumento che si rivolge prevalentemente a un pubblico di ricercatori e di lettori interessati, e a chiunque voglia saperne di più sulla catalogazione delle opere, dei manoscritti, delle lettere e della biblioteca dello scrittore, tramite una presentazione sintetica e ragionata.

COME CONSULTARE MANZONI ONLINE

Le brevi schede dedicate a ogni opera sono classificate secondo vari criteri, di modo da permetterne una consultazione immediata. Ad esempio, se si sta cercando un documento preciso come una lettera o un manoscritto, basterà accedere alle relative categorie del sito e avviare la ricerca per mittente, destinatario, opera citata, istituto conservatore o titolo. Se si vuol ricercare un’opera letteraria, invece, nella prima sezione troverà i diversi testi divisi in sezioni, ad esempio poesie, tragedie, opere morali e filosofiche, saggi storici e politici, scritti letterari, scritti linguistici inediti, e così via.

MANZONI ONLINE, UN NUOVO STRUMENTO DI RICERCA

Il progetto Manzoni Online risponde a esigenze rigorosamente scientifiche, ma anche alla necessità di tutelare e conservare per via digitale il grande patrimonio cartaceo delle biblioteche italiane”, spiegano gli organizzatori del progetto, finanziato dal Ministero della ricerca e dal Ministero dei Beni culturali. “La piattaforma consentirà infatti di accedere a catalogazioni esaustive del corpus manoscritto e librario appartenuto all’autore, che integreranno e sostituiranno gli attuali strumenti di ricerca, incompleti e datati, permettendo agli studiosi italiani e stranieri un accesso diretto ai materiali manzoniani”.

-Giulia Ronchi

http://www.alessandromanzoni.org/

ACQUISTA QUI le tre versioni de “I promessi sposi” nei Meridiani Mondadori

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.