Il futuro della moda in un mondo sempre più virtuale

0
1197

I brand fashion più innovativi si stanno concentrando nell’esplorare soluzioni che amplino e rinnovino l’offerta nel segno della responsabilità sociale e ambientale. Le modalità per farlo? L’innovazione tecnologica e il mondo digitale

Le tendenze che vedremo nella moda nei prossimi anni saranno rese possibili dalle tecnologie emergenti che trasformeranno i materiali che utilizziamo e indossiamo, il processo di produzione e la connessione tra clienti e marchi di moda. Grazie all’utilizzo di scansioni e stampa in 3D, AI, realtà aumentata, virtuale e mista, tessuti e materiali intelligenti e digital twins, gemelli virtuali di prodotti reali che garantiranno uniformità e coerenza delle comunicazioni di marca, il deep tech fashion si stabilisce come forza trainante verso un nuovo capitolo del settore moda.

Solventus 2019
Solventus 2019

STILISTA, CONSUMATORE E TECNOLOGIA: VERSO UNA RELAZIONE DINAMICA

La tecnologia, fondamentale per la raccolta dei dati, permette di comprendere i clienti e i loro bisogni. In questo scenario, l’intelligenza artificiale si pone come fulcro per lo sviluppo dei prodotti. Se da una parte avremo la previsione di ciò che i clienti vorranno indossare, anticipando tendenze, dall’altra avremo la possibilità di realizzare solo vestiti che le persone davvero richiedono. Solventus 2019, ad esempio, è una collezione digitale, per la quale modelli umani sono stati scansionati in 3D e trasformati in avatar sui quali i capi sono stati poi disegnati. Grazie alla stampa 3D, gli indumenti realizzati su misura digitalmente vengono poi prodotti realmente solamente quando qualcuno li ordina, garantendo la personalizzazione al 100%.
Scansione e stampa 3D saranno gli strumenti che abiliteranno sempre di più collezioni virtuali, avatar su misura e personalizzazione. Non sono nuovi i body scanner 3D per scansionare gli utenti tramite app permettendo loro di vestire il proprio avatar con indumenti diversi e su misura. Mentre aziende di abbigliamento sportivo come Nike ipotizzano un futuro in cui i consumatori saranno in grado di stampare in 3D le scarpe disegnate da loro stessi a casa.

LA MODA VIRTUALE E LE TECNOLOGIE IMMERSIVE

Il futuro della moda si sta sviluppando in un mondo virtuale parallelo e interdipendente a quello fisico. Brand, startup e i pilastri della moda iniziano a sperimentare nuove collezioni per gli avatar di videogiochi e metaversi: nuovi spazi virtuali in cui collaborazione tra utenti e socialità permetteranno la creazione di nuove tendenze “ad hoc”, ampliando il range di creatività nello sviluppo e distribuzione dei prodotti. Per la generazione virtuale, la collezione digitale è, infatti, solo un logico passo avanti. I nuovi prodotti digitali saranno liberi da restrizioni fisiche e creative.
In questa fusione tra mondo fisico e contenuti virtuali avremo anche la possibilità, sottolineata da Matthew Drinkwater, della Fashion Innovation Agency del London College of Fashion, di presentarci in modo diverso a chi ci circonda, condividendo i vestiti virtuali che vogliamo essere visti indossare su dispositivi di realtà mista di altre persone, consentendo a queste di sperimentare e controllare come vorrebbero essere percepite.
Il settore della moda sta trovando una sua dimensione digitale anche attraverso fashion show virtuali, digital fashion week e immersive showroom. Il gioco multipiattaforma Afterworld: The Age of Tomorrow, e lo spettacolo virtuale, surreale e ipnotizzante, del brand Hanifa ne sono due esempi. Il primo è un’avventura immersiva nella collezione Autunno 2020 e 2021 di Balenciaga, il secondo è una sfilata virtuale con abiti in 3D indossati da avatar invisibili. Un altro esempio viene da McQueen, che combinando fashion e la tecnologia 3D di Unreal Engine ha creato uno spazio digitale dove far sfilare i suoi capi, creati per l’occasione in digitale da modelli digitali.

Balenciaga x Fortnite
Balenciaga x Fortnite

ESPRESSIONE, VIRTUALITÀ, E UNICITÀ

Sono queste le parole che racchiudono ciò che la moda porterà in futuro: una virtualità simbolo di nuova creatività, unica per ognuno di noi grazie alla personalizzazione totale di prodotti, modelli e persino materiali. La tecnologia entrerà anche nei vestiti con tessuti intelligenti che funzioneranno come una nuova interfaccia, influenzando le nostre modalità espressive. La moda, emblema di espressione del sé all’interno della società, lo sarà ancora e sempre di più in una società sia fisica che virtuale.

Elisabetta Rotolo

MIAT ‒ Multiverse Institute For Arts & Technology è un centro creativo ed educativo per le arti immersive e le tecnologie emergenti.

www.miat.tech

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Elisabetta Rotolo
Elisabetta Rotolo è una business strategist e brand management executive, creative & executive producer, interior architect e keynote speaker, con una esperienza internazionale in VR, AR, spatial computing, mondi virtuali e Metaverso. È CEO e founder di MIAT Multiverse Institute For Arts and Technology e ha oltre 20 anni di esperienza come Global Chief Marketing Officer, Corporate Communication Director e Strategic Consultant in branding, marketing, comunicazione, innovazione e cambiamento per organizzazioni internazionali come lo Stato di New York, Omnicom Group, Walt Disney, Mattel, Heinz, Plasmon, Ferrovie dello Stato, i Giochi Olimpici. Ha un degree in Interior Architecture e un MBA presso l'Università di Liverpool.