L’iconico abito da sposa di Lady Diana sarà esposto in una mostra a Kensington Palace a Londra

Questo capolavoro di sartoria fu realizzato in taffetà di pura seta color avorio e impreziosito con lo strascico più lungo mai visto nella storia dei matrimoni reali. Appartenente alla collezione privata di Harry e William, viene esposto al pubblico per la prima volta dopo 25 anni.

Wedding gown of Diana, Princess of Wales (front view) (c) Royal Collection Trust All Rights Reserved
Wedding gown of Diana, Princess of Wales (front view) (c) Royal Collection Trust All Rights Reserved

Si intitola Royal Style in the Making la mostra che prenderà il via dal 3 giugno 2021 al 2 gennaio 2022 nella storica Orangerie recentemente restaurata di Kensington Palace, una delle più importanti residenze reali inglesi a Londra. Una grande ricognizione sugli abiti sartoriali realizzati per tre generazioni di reali inglesi e indossati nei momenti più significativi della loro vita, dai matrimoni alle incoronazioni. In mostra anche bozzetti originali, campioni di tessuto e fotografie inedite della Royal Ceremonial Dress Collection, che testimonieranno l’intero percorso creativo compiuto dai couturier al servizio della Corona nel corso del XX secolo. “La mostra estiva di Kensington Palace metterà in luce alcuni dei più grandi talenti della moda britannica”, ha spiegato Matthew Storey, curatore della mostra, “il cui lavoro è stato determinante nel plasmare l’identità visiva della famiglia reale lungo tutto il Novecento“.

L’ABITO DA SPOSA DI LADY D IN MOSTRA A LONDRA

Ospite d’onore è l’iconico abito da sposa di Lady Diana, disegnato dagli stilisti marito e moglie Elizabeth e David Emanuel per le nozze con Carlo celebrate il 29 luglio del 1981. Una storia che, come tutti sanno, è finita in tragedia, prima con il divorzio della coppia e poi con la morte prematura di Lady D, avvenuta nel 1997. Ma tutto questo non ha mai cancellato l’immagine di quel matrimonio da sogno al cui centro svettava l’abito di taffetà di pura seta color avorio indossato dalla Principessa del Galles, copiatissimo in tutto il mondo. Una grande opera di sartoria per cui furono impiegati 230 metri di tulle – tra velo e sottogonna – e diecimila perle e paillettes madreperlate. A dare grande risalto all’abito furono soprattutto le grandi maniche a sbuffo, in linea con la gonna a “effetto meringa”, ma anche il memorabile strascico di oltre sette metri (che copriva l’intero corridoio della Cattedrale di St Paul), il più lungo che si sia mai visto nella storia dei matrimoni reali. L’abito da sposa di Lady D è stato trasferito alla morte della principessa nella tenuta degli Spencer (dove è sepolta), per poi passare nella collezione di privata di Harry e William che hanno permesso la realizzazione della mostra. Sarà esposto al pubblico per la prima volta dopo 25 anni.

– Giulia Ronchi

Royal Style in the Making
Dal 3 giugno 2021 al 2 gennaio 2022
Kensington Palace, Londra
Acquista qui il biglietto della mostra

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.