Open Day online. IUAD Accademia della Moda fa scoprire i suoi corsi e il nuovo Fab Lab di design

I prossimi Open Day digitali della scuola di moda e design con 2 sedi a Napoli e Milano sono previsti per il 22-25-26 Marzo (corsi triennali) e 9 Aprile (bienni specialistici): un’edizione speciale per scoprire la sua offerta e i suoi progetti di ricerca sull’innovazione tecnologica e sociale

IUAD Accademia della Moda
IUAD Accademia della Moda

Tradizione sartoriale ed estro partenopeo sono le due cifre che caratterizzano dalla sua nascita, negli anni ’60 da un’idea di Domenico LettieriIUAD – Accademia della Moda che, dopo la sede storica di Napoli, da qualche anno ha aperto un secondo spazio a Milano: l’importante realtà formativa sarà protagonista di un Open day virtuale. In tempi di pandemia, le tradizionali giornate dedicate alla presentazione dei corsi da parte dei diversi docenti e tutor, non potendo più svolgersi fisicamente, si sono, infatti, riconvertite in fenomeni virtuali.

IUAD Accademia della Moda, Vanessa Dellaccio
IUAD Accademia della Moda, Vanessa Dellaccio

COSA FA LO IUAD

Ad utilizzare questo strumento, molto amato dai giovani, c’è anche lo IUAD – Accademia della Moda, ente privato di alta formazione del Sud Italia riconosciuto ed accreditato dal MIUR tra le Istituzioni AFAM per i corsi triennali di I livello in Fashion Design, Interior Design e Visual Communication. I prossimi Open Day online del 22-25-26 Marzo (Open day Corsi Triennali) e 9 Aprile (Open day Bienni Specialistici), oltre ad essere un’opportunità per entrare nel mondo IUAD e conoscerne i programmi didattici, i lavori degli allievi, i contest, workshop ed eventi, saranno anche l’occasione per scoprire un’importante novità alla quale sta lavorando l’Accademia: L’Innovazione e la Ricerca obbiettivi del 2021 per un’industria 4.0, ovvero la quarta rivoluzione industriale, con le nuove tecnologie digitali protagoniste della produzione industriale. “Il mondo del design è in continua e rapida evoluzione e bisogna sempre avere una visione verso l’innovazione e lo sviluppo, e lo IUAD Accademia della Moda negli ultimi anni ne ha compreso il ruolo fondamentale non solo nei processi produttivi ma anche nel suo impatto sociale e nel mondo della comunicazione. Da questa riflessione è nata la volontà di iniziare un programma di ricerca basato sull’innovazione grazie all’utilizzo di strumentazione tecnologica e software avanzati, lo studio di materiali, soprattutto ecosostenibili e di nuove soluzioni che possano rispondere all’esigenze del mercato, delle imprese e della società”, ci racconta Michele Lettieri, Presidente dell’Accademia.

IUAD Accademia della Moda, Letto
IUAD Accademia della Moda, Letto

IL FAB LAB DI IUAD

È stato da poco inaugurato, in tal senso, un centro di ricerca, una sorta di Fab Lab che si propone come fucina di nuove conoscenze puntando a nuove scoperte da brevettare nel campo del Product Design e dell’Accessorio grazie anche alle sinergie con il mondo imprenditoriale, professionale e istituzionale. Partendo dal concetto di artigianalità che contraddistingue la sua didattica, il nuovo laboratorio diventa modello di nuove tecnologie sul design in generale, dove sono presenti tutte le attrezzature, sia artigianali con macchine da cucire per accessori come scarnitrici, a colonna e a braccio che quelle di modellazione digitale. Così nasce una mini fabbrica all’interno delle aule dello IUAD, completano il laboratorio varie tipologie di stampanti 3D, per filamenti e sedimenti, macchinari in grado di stampare pezzi di oltre 50 cm di altezza”. I progetti di ricerca, che puntano, dunque, all’innovazione tecnologica e sociale, vogliono coinvolgere sia gli studenti e i docenti dell’Accademia stessa che gli studenti di altri atenei per mezzo di bandi di concorso che verranno pubblicati sul sito ufficiale nei prossimi mesi.

https://www.accademiamoda.it
https://www.accademiamoda.it/open-lab/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.