Moda: la nuova edizione di Altaroma, dagli studi di Cinecittà a Roma un evento tutto in digitale

Dal 18 al 20 febbraio torna la kermesse capitolina dedicata alla moda e ai nuovi talenti del made in Italy. Gli storici studi cinematografici della Città Eterna diventano passerelle da guardare online in live streaming. Non mancheranno il consolidato format “Showcase”, che connette brand indipendenti e buyer, talk show e progetti filmici sperimentali curati da Scuole e Accademie.

Nulla ci riempie di orgoglio quanto il fatto di essere presenti, garantendo un’edizione completa che, seppure in forma digitale, è per noi e i brand partecipanti importantissima. Abbiamo lavorato duramente in questi anni insieme ad Agenzia Ice, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed i nostri soci per far sì che la Roma Fashion Week fosse parte integrante del sistema. In sinergia con Firenze e Milano, fungiamo da veicolo di promozione per tutte quelle giovani realtà indipendenti che iniziano il loro cammino nel fashion system. E saremo qui per loro”. Nella parole di Adriano Franchi, direttore generale di Altaroma, la speranza per le promesse del made in Italy di un futuro migliore, affrontando in sicurezza la pandemia online tramite la piattaforma “digital runway” per la presentazione delle collezioni di designer, conosciuti e non, dagli studi di Cinecittà. La kermesse capitolina dedicata alla moda, programmata dal 18 al 20 febbraio, è a portata di web.

Gustavo Marco P. Cipolla

1. ALTAROMA: IL SODALIZIO TRA MODA E CINEMA

Talk show_credits Altaroma website

Riflettori accesi, come sul set di un grande kolossal cinematografico, e 90 marchi emergenti in una passerella virtuale per raccontare il saper fare artigiano e il bello e ben fatto italiano, ma non solo. Si rinnova il sodalizio con l’Istituto Luce-Cinecittà in una manifestazione che, in rete, si preannuncia suggestiva grazie alle scenografie monumentali della location prescelta quale headquarter della tre giorni. Dodici le sfilate attese, inclusi alcuni finalisti del concorso di scouting “Who Is On Next?” organizzato in collaborazione con Vogue Italia, e tre talk su tematiche d’attualità tra mercati, innovazione ed economia realizzati con la Business School del Sole 24 Ore. Poi, l’immancabile format “Showcase”, che questa volta connette in live streaming  il vivaio creativo degli stilisti con buyer e giornalisti internazionali.

2. DAY 1: TERRITORIALITÀ E COUTURE INTERNAZIONALE

Franco Ciambella_credits Franco Ciambella Official website

Si parte giovedì 18 febbraio, da non perdere in calendario il fashion show “Emilia” del talentuoso Federico Cina che, fra territorialità e sartorialità, si immerge nelle tradizioni popolari per il ready to wear autunno inverno 2021-22. Ispirazioni elleniche, e richiami al mondo dell’arte classica, ne “L’Atene del nord” di Roi du Lac mentre la collettiva “My fashion dream” targata International Couture si proietta in un immaginario onirico con gli abiti e gli accessori di A’biddikkia, Atelier Regina, Baroqco, Blue Valentine, Franco Ciambella, che da Civitavecchia ritorna in pista nella Capitale, Gaia Proietti Colonna, l’associazione no-profit dei maestri del gioiello “Officine di Talenti Preziosi”, presieduta da Marina Valli, Victoria Torlonia. E ancora, Gretel Z. con “The New 20s”: la scorsa stagione aveva presentato il suo universo mitologico ispirato alle ninfe e tradotto in creazioni fluide, brillanti, dai tagli asimmetrici. Tre, una per ogni giornata, le puntate di “Rome is my runway”. Così la catwalk si trasforma in un raccoglitore di talenti che sfilano puntando su sperimentazione e ricerca.

 

3. DAY 2: RITORNI IN PASSERELLA E L’ESTRO DEI GIOVANI

Casa Preti_credits Altaroma website

Venerdì 19 è la volta della maison Luigi Borbone, di nuovo ad Altaroma con la sua collezione Haute Couture spring-summer 2021, e dalle atmosfere romantiche, intitolata “Il fiore che non hai mai colto”. Accademia Italiana svela “Syndrome”, frammenti di allucinazioni nel film dei suoi allievi, IED Roma illustra un best of dell’estro studentesco con la scuola di Arti Visive  in  un caleidoscopio di colori, forme e contaminazioni estetiche. Tecnica e sapienza artigiana per Casa Preti, che porta in scena “Ama”, “La Signora di Mezzanotte” è la misteriosa protagonista del prêt à porter invernale di Edoardo Gallorini, mescolando charme e trasgressione. 

4. DAY 3:  FASHION FILM E FINAL WORK DEI NUOVI TALENTI

Alexandre Blanc_credits Altaroma website

Il sipario cala sabato 20 febbraio con Alexandre Blanc, i suoi volumi e le linee, che in passato hanno conferito alla silhouette tratti aristocratici e bohémien mediante stampe e sfumature di colore richiamando alla memoria le opere dei pittori Henri Matisse e Georges Braque. Ci saranno “Private 4”, video degli studenti del corso di culture e tecnologie della moda dell’Accademia di Belle Arti romana, le “Asimmetrie del tempo” nel final work dell’Accademia Koefia ed il progetto filmico curato da Antonio Falanga e Grazia Marino per “Creative District” che, grazie anche a Cna Federmoda, vedrà la partecipazione di Tecna Italia, Flavia Lecci, Andrea Sbarrini e Gaia Caramazza. Istinto e ragione ne “L’anima” di Francesca Cottone, che con l’evergreen delle sue giacche “Botanical” in una fusione di spirito e corpo aveva già fatto parlare di sé. Gall, brand fondato nel 2014 dall’americano Justin Gall e Chiara Nardelli, con “Nydia” è pronto a rivoluzionare il firmamento stilistico dell’activewear attraverso accostamenti insoliti, tessuti sperimentali e visioni avanguardiste.

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Gustavo Marco P. Cipolla
Classe 1984, calabrese di origini, romano di adozione, Gustavo Marco P. Cipolla è un cittadino del mondo. Ama viaggiare, quando gli è possibile, e confrontarsi con realtà e culture sempre differenti. Le sue esperienze formative e professionali sono diverse: dalla Laurea in Relazioni Internazionali ai Master in Marketing e Comunicazione degli Eventi artistici, culturali e dello spettacolo e in Comunicazione e Giornalismo di Moda. Collabora con alcune testate dove scrive, senza la pretesa di essere un critico, di moda, arte e cultura. È stato stagiaire nelle Organizzazioni Internazionali e ha svolto, e svolge, l’attività di press officer nel mondo della musica, nell’universo della moda e ha anche curato l’ufficio stampa di alcune compagnie teatrali indipendenti. Crede fermamente nel talento (degli altri) e sostiene che i giovani di oggi, grazie alle giuste opportunità, diventeranno gli adulti di domani.