Haute Couture per la prima volta “fuori casa”. 70 anni della Maison Dior in mostra a Melbourne

Per l’anniversario di una delle più prestigiose case di moda al mondo, per la prima volta l’intera collezione della Maison Dior esce da Parigi ed è in mostra alla National Gallery of Victoria con oltre 140 creazioni.

La National Gallery di Melbourne
La National Gallery di Melbourne

In occasione del 70esimo anniversario della Maison Dior, una delle più prestigiose case di moda al mondo, per la prima volta l’intera collezione esce da Parigi ed è in mostra all’interno della National Gallery of Victoria di Melbourne che la ospiterà dal 27 agosto fino al 7 novembre. The House of Dior: Seventy Years of Haute Couture, questo il titolo dell’esposizione che presenta una raccolta degli abiti più importanti del celebre marchio francese, dalla prima collezione fino alla haute couture del suo ultimo direttore artistico Maria Grazia Chiuri. Dalla fondazione dell’atelier, avvenuta il 16 dicembre 1946 al 30 di Avenue Montaigne a Parigi, al brand satellite del colosso Lvmh di Bernard Arnault come lo conosciamo oggi, se ne sono, infatti, succeduti ben sette di direttori artistici alla sua guida.

L’ERA CHRISTIAN DIOR

A partire proprio da Christian Dior che arrivò a lanciare una propria collezione sovvertendo tutte le regole della moda, con le iconiche nuove forme a “Corolla” e “En Nuit”, subito ribattezzate “New Look” dalla editor-in-chief di Harper’s Bazaar Carmel Snow: vestiti in grado di offrire al pubblico un immaginario incantato e desiderabile, ma nello stesso tempo fortemente ancorato alla realtà. Dopo la sua morte improvvisa nel 1957 sarà tutto un susseguirsi di nomi prestigiosi, da Yves Saint Laurent, a Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons fino all’attuale fashion designer Maria Grazia Chiuri, dopo l’addio alla maison Valentino (che ha diretto per otto anni insieme a Pierpaolo Piccioli). The House of Dior: Seventy Years of Haute Couture racconterà tutto questo attraverso le oltre 140 opere e creazioni della collezione Christian Dior Couture, con le sue fortunate invenzioni, tra cui quella del 1953, soprannominata “a tulipano” che metteva in evidenza il seno, o ancora, il tailleur Bar: un viaggio negli oltre settant’anni di glamour ed eleganza che hanno segnato la storica maison francese.

-Claudia Giraud

The House of Dior: Seventy Years of Haute Couture
27 agosto-7 novembre
National Gallery of Victoria, Melbourne
http://www.ngv.vic.gov.au/exhibition/the-house-of-dior/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).