Pandemia e mostre: 20 milioni di euro stanziati per cancellazioni e rinvii

Fra le misure a sostegno della cultura ci sono oggi anche quelle destinate al settore delle mostre d’arte cancellate, annullate o rinviate a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Gallerie degli Uffizi - Firenze
Gallerie degli Uffizi - Firenze

Il 3 settembre 2020 è stato finalmente pubblicato sul sito web della Direzione generale Musei l’Avviso pubblico per il riparto di quota parte del Fondo per le emergenze delle imprese e delle istituzioni culturali (di cui all’art. 183, comma 2, del Decreto Legge n. 34 del 2020) destinata al ristoro degli operatori nel settore delle mostre d’arte.
Diventa così pienamente operativo – dopo la registrazione da parte della Corte dei Conti e dopo la pubblicazione del predetto Avviso – il D.M. MiBACT 03.08.2020, n. 372, che ha stabilito le modalità di ripartizione e assegnazione delle risorse destinate al settore delle mostre. Le risorse disponibili per questo settore ammontano a complessivi euro 20 milioni per l’anno 2020 e l’Avviso stabilisce – fra le altre – le modalità e le scadenze per la presentazione delle domande e per l’assegnazione.

I BENEFICIARI DEL FONDO EMERGENZA

I soggetti beneficiari del contributo sono gli operatori che abbiano subito un calo di fatturato per la cancellazione, l’annullamento o il rinvio, a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, di almeno una mostra d’arte in Italia o all’estero in calendario nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 30 settembre 2020. In particolare, sono ammessi al contributo i soggetti la cui attività prevalente sia l’organizzazione di mostre d’arte, ma anche i soggetti erogatori di servizi di logistica e trasporto e di allestimento che abbiano una quota superiore al 50% del fatturato derivante da attività riguardanti mostre d’arte.

COME FARE DOMANDA

Il termine per la presentazione delle domande è il 18 settembre 2020; l’invio deve essere effettuato esclusivamente in via telematica, utilizzando la modulistica predisposta e resa disponibile sulla piattaforma online della Direzione generale Musei.
La Direzione comunica che prossimamente sarà pubblicata un’apposita sezione FAQ del sito dove sarà data risposta alle richieste di informazioni e chiarimenti relative alla procedura di richiesta e assegnazione dei contributi. Per ulteriori dettagli si rinvia alla lettura integrale dei sopra citati provvedimenti e alla consultazione del sito della Direzione generale Musei.

Raffaella Pellegrino

http://musei.beniculturali.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaella Pellegrino
Raffaella Pellegrino è iscritta all'Ordine degli Avvocati di Bologna dal 2003; è esperta in diritto d’autore e proprietà intellettuale e svolge attività di consulenza e assistenza legale, stragiudiziale e giudiziale. Svolge attività di formazione e divulgativa in materia di diritto d’autore e proprietà intellettuale, ed è autrice di articoli in tali materie. Collabora con la redazione del portale di informazione sulla proprietà industriale e intellettuale Marchi e Brevetti Web (Giappichelli Editore). Collabora con la cattedra di Diritto Industriale (Facoltà di Giurisprudenza) e con la cattedra di Diritto e Proprietà Intellettuale (corso di laurea in Cinema Televisione e Produzione Multimediale), presso l’Università degli Studi di Bologna.