WeLoveSleep

Milano - 13/04/2015 : 13/09/2015

In occasione del Fuorisalone del Mobile 2015, la Galleria Santa Radegonda, fermata Duomo della metropolitana di Milano ospiterà la mostra “WELOVESLEEP” da un’idea di casiraghi greco& per il brand Tempur.

Informazioni

Comunicato stampa

A partire dal 13 aprile, in occasione del Fuorisalone del Mobile 2015, la Galleria Santa Radegonda, fermata Duomo della metropolitana di Milano ospiterà la mostra “WELOVESLEEP” da un’idea di casiraghi greco& per il brand Tempur.

Venti opere, ideate e realizzate ad hoc per l’occasione da importanti artisti contemporanei, renderanno omaggio al “dolce dormire” e, data la particolare posizione della sede espositiva, potranno essere ammirate da oltre 100.000 persone al giorno. Una piacevole pausa all’insegna dell’arte, all’interno della stazione della metropolitana di Milano


Da sempre presente nella storia dell’arte, l’iconografia del sonno, ha costituito un importante territorio di sperimentazione ed espressione formale per molti artisti: dai sonni tormentati da incubi spaventosi di Füssli, al placido riposo ritratto da Renoir, dai colpevoli sonni della ragione di Goya, fino ai conturbanti sogni da psicanalizzare di Dalí e al sensuale riposo delle ninfe nel bosco della pittura cinquecentesca. Partendo da questo tema così storicizzato e stimolante, nasce il progetto espositivo “We love sleep”, da un’idea di casiraghi greco& per il brand Tempur – il marchio di materassi n.1 al mondo, la punta di diamante tecnologica del Gruppo Tempur Sealy. L’evento sarà organizzato in collaborazione con ViDi.

I curatori della mostra, Simona Bartolena e Cesare Casiraghi, hanno selezionato venti artisti eterogenei per età e formazione – Davide Balossi, Thomas Berra, Elisa Bertaglia, Sofia Cacciapaglia, Patrizia Calegari, Andrea Cereda, Cracking Art, Giordano Curreri, Francesca Della Toffola, Manuel Felisi, Armando Fettolini, Federica Ferzoco, Fabio Giampietro, Marla, Matteo Mezzetta, Lorenzo Pacini, Marco Pariani, Alessandro Savelli, Simona Uberto, Mr. Wany - ai quali è stato chiesto di interpretare liberamente, su una tela di 2x1,5 metri, un letto visto dall’alto.
Da questa richiesta sono nate venti opere, molto diverse tra loro per linguaggio, tecnica e interpretazione, che offriranno al pubblico originali chiavi di lettura sul concetto di sonno e di riposo.

Completa il percorso espositivo un interessante video del making of, che mostrerà gli artisti al lavoro nei loro studi e le diverse fasi di creazione di ogni opera esposta. La mostra è accompagnata da un catalogo illustrato edito da Skira, con testi di approfondimento dei curatori sul tema del sonno, legato all’arte e alla pubblicità.