Vittorio Messina – Transiti e dimenticanze

Foiano della Chiana - 29/11/2011 : 06/02/2012

Messina riprende il filo del suo lungo operare sul tema della citta'. In mostra una sola grande opera: una grande superficie ottenuta dalla giustapposizione di elementi presi in prestito dall'edilizia di consumo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA ALESSANDRO BAGNAI
  • Indirizzo: Via della Repubblica, 39 52045 - Foiano della Chiana - Toscana
  • Quando: dal 29/11/2011 - al 06/02/2012
  • Vernissage: 29/11/2011 ore 18
  • Autori: Vittorio Messina
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lunedi' 15.00/19.00, Martedi-Sabato 10.00/19.00.
  • Biglietti: ingresso libero
  • Email: galleriabagnai@tin.it

Comunicato stampa

In mostra una sola grande opera. Si tratta di una grande superficie ottenuta dalla giustapposizione di elementi presi in prestito dall'edilizia di consumo, emergente dalle pareti della galleria e tesa a imitare e ripeterne la solida apparenza e consistenza muraria. Sulla nuova parete che cose' si viene a configurare, l'artista ha disposto una serie di cose sottratte al corso della loro esistenza naturale, e soprattutto alla condizione che le regole, le convenzioni, le circostanze e le leggi della fisica determinano in rapporto al loro consueto apparire



Dopo i recenti interventi al MACRO di Roma e all'Accademia Tedesca di Villa Massimo, nella mostra Messina/Schutte, dove i due artisti hanno confrontato i recenti sviluppi del loro lavoro, con Transiti e Dimenticanze, Vittorio Messina riprende il filo del suo lungo operare sul tema della citta', concentrando la sua attenzione sulle cose, piu' che sugli oggetti, come si sarebbe portati a dire. Ma come ama ripetere Messina, citando Kafka, e'...puo' forse esistere un villaggio con le case addossate che coprono i campi, dove lo sguardo spazia piu' lontano che dai nostri colli, e tra quelle case ci sia di giorno e di notte una folla di persone assiepate? Piu' facile che immaginare una citta' di questo genere e' per noi credere che Pechino e il suo imperatore siano una cosa sola, per esempio una nuvola che con l'andare del tempo si trasforma lentamente sotto il sole'.

In realta' i transiti cui l'artista fa riferimento condividono la precaria mutevolezza e l'imprevedibile destinazione, ma anche il puro e semplice metafisico destino di un progetto.

Ed ecco quindi che, con l'emergenza della parte sul tutto, e del preponderante riverbero del particolare e della sua persistente precarieta', l'artista rievoca la condizione e la necessita' di una teleologia dell'indeterminazione. Egli intende confermare la dimensione 'sapienziale' dell'arte, dove gelosamente conservare quella indispensabile prossimita' alle cose cui la base significante di questo attributo rimanda.

In questo caso sono proprio le dimenticanze ad assumere, nella loro evidenza esistenziale, il ruolo paradossalmente disumano di confronto con l'incommensurabile e l'inconoscibile. Dall'abbagliante apparenza del reale che sconfina nella passione tautologica e anche dall'invettiva antiretorica cosi' prossima alla passione politica, il lavoro di Messina ci conduce ad una riflessione che tende a ricollocare il lavoro dell'arte confuso e degradato nel marasma della nostra contemporaneita'.