Vittorio Comi – Elogio alle vagabonde

Mezzago - 11/12/2011 : 09/01/2012

Lavori vivi, mutevoli e in costante evoluzione, in bilico tra scultura, installazione e pittura che, giocando con la tradizione, usano l’erba come materia.

Informazioni

  • Luogo: TESTA & CO
  • Indirizzo: Via Concordia 29 (20883) - Mezzago
  • Quando: dal 11/12/2011 - al 09/01/2012
  • Vernissage: 11/12/2011 ore 18 su invito
  • Autori: Vittorio Comi
  • Curatori: Simona Bartolena
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: tutti i giorni dalle 9 alle 19 escluso il lunedì
  • Email: elisabetta@i-d-e-a.it

Comunicato stampa

Ci sono giardini eleganti,perfetti, accademici, studiati a tavolino, che seguono una norma senzainterpretarla. Sono giardini senza personalità. Noiose esercitazioni di stile.Non è raro che simili giardini vengano salvati da un’erbaccia. Un’erba selvatica,imprevedibile, capace di “scompigliare la percezione che abbiamo della natura”.Come annota Richard Mabey nel suo “Elogio delle erbacce”: “Le erbacce sono importanti perché hanno lacapacità di riportare in vita terreni abbandonati, maltrattati, distrutti,calpestati. Sono un po’ come infermieri, medici e medicine”. E le erbacce sono,non lo dimentichiamo, libere e anticonformiste

Trovo davvero straordinario chedue erbacce selvatiche come AntonioTesta e Vittorio Comi si sianoincontrate proprio su questo tema: gallerista davvero sui-generis il primo,capace di trasformare il suo negozio in un luogo di riferimentoper l’arte nel territorio, e artista fuori dal comune il secondo, artefice diopere che dialogano con la natura; lavori vivi, mutevoli e in costanteevoluzione, in bilico tra scultura, installazione e pittura che, giocando conla tradizione, usano l’erba come materia. Bene: l’Arte ha bisogno di questo genere di erbe vagabonde.