Virginia Mori – Stanze a dondolo

Bologna - 23/11/2013 : 16/01/2014

Una serie di disegni semplici e immobili, realizzati con un mezzo altrettanto semplice: una penna bic nera. Immagini legate tra loro da un'atmosfera onirica e surreale, un viaggio tra gli incubi feroci dell'infanzia e le metafore di ossessioni intime quotidiane.

Informazioni

  • Luogo: BLU GALLERY
  • Indirizzo: via Don G.Minzoni 9 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 23/11/2013 - al 16/01/2014
  • Vernissage: 23/11/2013 ore 18
  • Autori: Virginia Mori
  • Generi: personale, disegno e grafica
  • Orari: dal Martedì al Sabato dalle 16 alle 19

Comunicato stampa

VIRGINIA MORI
Biografia
Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all'Istituto Statale d'Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell'illustrazione

Partecipa a diversi eventi artistici in Italia e vince il premio "SRG SSR idee suisse" ad Annecy Call for project, che le permette di realizzare il corto di animazione "Il gioco del silenzio", premiato e selezionato in diversi festival internazionali e il premio "Abbaye de Fontevraud" che le permette di lavorare al suo prossimo film nella residenza dell'omonimo centro culturale francese nell'ottobre 2011.
i suoi disegni a penna bic sono stati esposti in diverse collettive e personali ,in Italia e all'estero.Attualmente sta collaborando con il collettivo Withstand alla realizzazione di un videoclip musicale con la regia di Virgilio Villoresi.

Testo presentazione mostra
Una serie di disegni semplici e immobili, realizzati con un mezzo altrettanto semplice: una penna bic nera. Immagini legate tra loro da un'atmosfera onirica e surreale, un viaggio tra gli incubi feroci dell'infanzia e le metafore di ossessioni intime quotidiane. Inquadrature immobili e precise, senza la pretesa di stupire, ma che indicano il solo desiderio di "astrarsi, fantasticare, evadere per un tempo dalle incombenze e dalle ansie del reale.”