Video Sound Art Festival – Preview

Milano - 07/05/2013 : 30/05/2013

La terza edizione di Video Sound Art, con il patrocinio di GAI, Associazione Giovani Artisti Italiani, torna in città per arricchire la proposta culturale milanese con nuovi irrinunciabili appuntamenti.

Informazioni

Comunicato stampa

ideo Primavera Sound Art
L’inedita alternativa milanese
al grande Primavera Sound di Barcellona
Un maggio di concerti
apre la terza edizione di Video Sound Art Festival


LIVE CONCERTS AT LA SALUMERIA DELLA MUSICA
7 maggio – Efterklang
12 maggio – Dan Deacon
30 maggio – Old Apparatus, Dirty Beaches

PREVIEW EXHIBITION
Daito Manabe, Aaron Koblin, Ced Pakusevskij
Vincitore Open Call 2013 Alessio Ballerini





Milano, 11/04/2013 – La terza edizione di Video Sound Art, con il patrocinio di GAI, Associazione Giovani Artisti Italiani, torna in città per arricchire la proposta culturale milanese con nuovi irrinunciabili appuntamenti.

Dopo il grande successo della seconda edizione, tenutasi nel maggio 2012 a Villa Simonetta, Video Sound Art, in attesa della lunga estate milanese all’insegna dell’eccellenza della cultura visiva contemporanea, torna con una proposta musicale di alto valore artistico.

Il Festival, ideato e prodotto da Le Cicale dell’Arconte, propone dal 2011 un programma multidisciplinare di grande spessore affiancando ai concerti, allestimenti dei migliori lavori internazionali di motion graphic, animazione 3D e video mapping.

Per tutto il mese di maggio a La Salumeria della Musica, Video Primavera Sound Art è presente con un fitto calendario di concerti che vede esibirsi grandi nomi del panorama musicale internazionale. A salire sul palco di Video Sound Art il 7 maggio sono gli Efterklang, alt-folk band danese a presentare il nuovo album Piramida, ennesimo capolavoro di pop orchestrale e sperimentazione d'avanguardia. Il 12 maggio Dan Deacon, maestro nel miscelare melodie pop alla più cruda sperimentazione elettronica, propone un'esperienza audio-video davvero imperdibile. Il 30 maggio sono gli Old Apparatus a salire sul palco di Video Sound Art, un collettivo di producer londinesi il cui bacino musicale è quello del noise industial, dove i tipici riverberi e rumori si fondono a linee melodiche sentimentali. Accanto agli OA è il one-man band statunitense di origini taiwanesi Dirty Beaches, che opta per una rivisitazione, con contaminazioni elettroniche, di uno stile che richiama il rock'n'roll di Elvis Presley e Alan Vega.
Accanto ai momenti musicali Video Primavera Sound Art presenta un’anteprima delle proiezioni estive, con le opere dei vincitori dell’ open call “La Forma della Città”, titolo che fa riferimento al film breve di Pier Paolo Pasolini e Paolo Brunatto. Il video bando è stato diramato, a partire da dicembre 2012, con lo scopo di selezionare i migliori lavori di giovani talenti emergenti affiancati a quelli di artisti affermati a livello mondiale.
Dal Moma, dal Centre Pompidou e dal Japan Media Art Festival arrivano a Milano le opere delle icone della visual art, ma sono pillole dell'allestimento estivo.
Video Primavera Sound Art è solo l’inizio. Quest’anno il Festival si è conquistato una location d’eccezione, simbolo della città di Milano. A breve seguirà comunicato stampa con tutti i dettagli.

Per maggiori informazioni:
www.videosoundart.com

Ufficio stampa Video Sound Art:
Anna Cerea
Cellulare: +39 334 3382211
E-mail: [email protected]



Le Cicale dell’Arconte è un progetto ideato e diretto da Laura Lamonea volto a favorire l’emergenza di nuovi talenti nei molteplici ambiti della produzione artistica, dando così spazio e visibilità ad energie giovani e innovative.
L’Associazione opera su due fronti principali di attività: la trasmissione di tecniche innovative di espressione artistica attraverso la proposta e la creazione di approfondimenti pedagogici (in collaborazione con giovani professionisti internazionali), e l’individuazione di spazi e occasioni per creare nuovi contesti espositivi in cui le nuove generazioni di creativi possano esprimere la propria creatività, affiancati da professionisti del settore.
www.lecicaledellarconte.com


Membri/Members:

Laura Lamonea
Founder & art director/creative director
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Anna Cerea
Ufficio Stampa
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Francesco Galano
Responsabile graphic design
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Eleonora Guido
Social Media Manager
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Beatriz Lamarca
Consulente nella progettazione degli interventi
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
VisibilioDesignProject
Graphic Designer
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Ignazio Lucenti
Motion Grapher

PROGRAMMA DEL FESTIVAL



7 MAGGIO – LA SALUMERIA DELLA MUSICA

20:00
Video Sound Art Exhibition

21:00
Concerto: Efterklang

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

12 MAGGIO – LA SALUMERIA DELLA MUSICA

20:00
Video Sound Art Exhibition

21:00
Concerto: Dan Deacon

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

30 MAGGIO – LA SALUMERIA DELLA MUSICA

20:00
Video Sound Art Exhibition

21:00
Concerto: Dirty Beaches / Old Apparatus


ARTISTI COINVOLTI

Aaron Koblin
Daito Manabe
Ced Pakusevskij
Vincitore Open Call 2013 – Alessio Ballerini



LIVE MUSIC

Efterklang
(Danimarca)

Gli Efterklang sono un gruppo formatosi a Copenhagen grazie ai quattro membri originari Casper Clausen, Mads Brauer, Thomas Husmer e Rasmus Stolberg. Il nome viene dal danese “efterklang” che significa “rimembranza”, “riverbero”. All’inizio della carriera la loro musica è stata definita “folktronica”, intesa come unione tra musica folk e musica elettronica, ma negli ultimi lavori non manca l’utilizzo delle orchestrazioni sinfoniche e dei field recording.
Nei loro live, i quattro membri fondatori sono accompagnati da altri musicisti di supporto, Niklas Antonson (trombone ed altro), Peter Broderick (violino ed altro), Frederik Teige (chitarra e altro), e Heather Woods Broderick (pianoforte, flauto e voce).
Il loro quarto album, Piramida, prende il nome dalla città fantasma, ex colonia russa, situata tra la Norvegia e il Polo Nord. Durante il loro soggiorno nella ghost-town gli Efterklang, utilizzando la tecnica del field recording, hanno raccolto quasi 1000 registrazioni, basi fondanti del loro ultimo lavoro.

www.efterklang.net


Dan Deacon
(Stati Uniti)

Dan Deacon (West Babylon, 28 agosto 1981) è un musicista, compositore e performer statunitense.
Proveniente dalla scena musicale di Long Island, dove si esibiva come cantante e frontman della band ska Channel 59, frequenta il conservatorio di Purchase, New York, dove si diploma in composizione elettroacustica e digitale.
I suoi primi album come solista sono raccolte di musica elettronica e registrazioni dal vivo.
Nel 2012 esce il suo ultimo album, America, rilasciato il 28 agosto dalla Domino Records, nel quale descrive i sentimenti contrastanti verso il suo paese:
"The inspiration for the music was my love of cross-country travel, seeing the landscapes of the United States, going from east to west and back again over the course of seasons. The lyrics are inspired by my frustration, fear and anger towards the country and world I live in and am a part of. As I came closer to finishing the album these themes began to show themselves more frequently and greater clarity. There seemed no better world to encapsulate both inspirations than the simple beauty found in the word America."

www.dandeacon.com


Dirty Beaches
(Canada)

Alex Zhang Hungtai (4 settembre 1980, Taipei), conosciuto con il nome d'arte Dirty Beaches, è un musicista canadese di origine taiwanese con sede a Montreal, Quebec. Nel 2011 riesce a lasciare il suo lavoro in cucina per dedicarsi alla musica a tempo pieno.
Dirty Beaches ha rilasciato una serie di EP prima di proporre il suo primo album Badlands nel marzo 2011, successivamente nominato come candidato per il Polaris Music Prize.
Inizia a lavorare come one-man band seguendo i tour come solista. Successivamente decide di farsi accompagnare nei live dal sassofonista Francesco De Gallo, dal batterista Jesse Locke, dalla chitarra di Shub Roy e dal musicista elettronico Bernardino Femminielli. Nei primi mesi del 2013 esce il suo ultimo album Drifters / Love Is The Devil.

www.myspace.com/dirtybeaches


Old Apparatus
(UK)

Con sede a Londra, Old Apparatus è un collettivo audio-video che esordisce per l’etichetta Deep Medi nel 2011 con un EP omonimo attirando l’attenzione della critica.
La collaborazione con la casa discografica inglese continua con l’uscita del secondo EP dal titolo Zebulon. Il 2012 è segnato da un’altra collaborazione con l’etichetta Tapeworm, per la quale gli Old Apparatus rilasciano l’EP 15:24-15:46.
La svolta per il gruppo arriva con la creazione di una propria etichetta, Sullen Tone, con la quale fanno uscire quattro EP, dove il primo, Derren (2012), funge da prologo per la successiva trilogia composta da Realize, Alfur e Harem (2012).


www.oldapparatus.org


EXHIBITION


Aaron Koblin
(Stati Uniti)

Aaron Koblin è un artista e designer specializzato nell’uso di tecnologie digitali e di raccolta dati.
Nelle sue opere, Aaron utilizza dati reali, generati all’interno di diverse comunità, per riflettere sullo sviluppo di trend culturali e sul mutevole rapporto dell’uomo con la creazione di sistemi. Le sue opere sono parte della collezione permanente al MoMA (Museum of Modern Art) di New York, al V&A (Victoria & Albert Museum) di Londra, e al Centre Pompidou di Parigi.
I suoi progetti sono stati esposti all’interno di festival internazionali tra i quali TED, Ars Electronica, SIGGRAPH, OFFF, e presso il Japan Media Arts Festival. Aaron ha vinto il primo premio assegnato dalla National Science Foundation per la miglior rappresentazione visiva a carattere scientifico, e due dei video musicali ai quali ha collaborato sono stati nominati per un Grammy.
Ha ottenuto un Master in Design e Arti Mediatiche all’UCLA e, nel 2010, una residenza artistica, parte della borsa Abramowitz, al MIT (Massachussets Institute of Technology). Aaron dirige il Data Arts Team del Creative Lab di Google.

www.aaronkoblin.com


Daito Manabe
(Giappone)
Daito è nato nel 1976. Si è laureato presso la Tokyo University of Science, nel Dipartimento di Matematica, parte della Facoltà di Scienze e Tecnologia, e ha seguito un corso in Dynamic Sensory Programming presso l’IAMAS (International Academy of Media Arts and Sciences).
Sfruttando le sue capacità di programmatore, ha preso parte a progetti di vario genere e in campi diversi. La sua “face-performance” intitolata Face visualizer, instrument and copy è stata esposta in circa 30 festival di musica, arte e cinema, tra i quali il Sonar Festival a Barcellona e il Transmediale a Berlino.
Daito si è dedicato anche ad attività didattiche, e ha diretto workshop in diversi paesi, tra cui uno al Media Lab del MIT e uno al Fabrica. Ha partecipato come presentatore al Developer Meeting dell’openFrameworks, e all’Expo del Cycling ’74; nel 2009 ha fatto parte della giuria per la categoria Digital Music del Prix Ars Electronica, dal quale ha ricevuto nel 2011 il Premio di Eccellenza per la categoria Interactive Art. La giuria del Japan Media Arts Festival gli ha conferito il suo Premio di Eccellenza in due occasioni, e lo ha raccomandato per questo titolo sette volte.

daito.ws


Ced Pakusevskij
(Serbia)


Ced Pakusevskij nasce a Novi Sad, Vojvodina, dove studia visual communication e graphic design. Agli inizi del 2000 si sposta in Italia dove lavora per Sky cinema, per poi diventare il primo art director di MTV International. Ha vinto più di venti Promax BDA gold awards a New York, Los Angeles e Londra. Oggi vive a Milano e lavora nello studio Fullscream in qualità di founder e direttore creativo.

www.fullscream.com



Vincitore Open Call 2013 :
Alessio Ballerini
(Italia)

Alessio Ballerini, sound e multimedia artist, usa computer e periferiche esterne per creare suoni sperimentali ed elettroacustici, minimali e multistratificati. Esplora paesaggi reali e immaginari utilizzando field recordings, chitarra, piano e composizioni digitali, dove il suono trova la sua bellezza negli armonici ambient del substrato.
E’ stato membro del collettivo cinematografico Postodellefragole dal 2004. Fonda nel 2010 AIPS - Archivio Italiano Paesaggi Sonori - assieme ad altri soundscapers italiani. Ha collaborato e diviso il palco con Alva Noto, Lawrence English, Oval, Retina, Enrico Coniglio, Senking, Erik Skodvin, Giuseppe Cordaro, Francesco Giannico, TU M’, Pietro Rparbelli...

www.alessioballerini.com