Verso l’approdo #3

Catania - 21/02/2012 : 18/03/2012

Con le mostre di quattro giovani fotografi siciliani e la proiezione di video dedicati al tema della "strada", torna alla Vecchia Dogana di Catania "Verso l'Approdo", il contenitore culturale di Tribe giunto al terzo appuntamento.

Informazioni

Comunicato stampa

Catania, 17 febbraio 2012 - Martedì 21 febbraio alle ore 20.30 si inaugurerà, presso il Centro Polifunzionale Vecchia Dogana di Catania, il nuovo appuntamento di Verso l'approdo, un progetto della cooperativa TRIBE che attraverso mostre, reading e presentazioni editoriali vuole indagare il tema dell’«approdo», inteso come spazio fisico e mentale. In questo terzo incontro il tema centrale sarà la strada, “centro” stragetico di relazioni e di commerci, “luogo” carico di valenze sociali e culturali, snodo di emergenze e urgenze come quelle raccontate dal libro "Sulla strada" di Jack Kerouac o dal film "Easy Rider" di Dennis Hopper

O dalla street photography, un genere fotografico, più precisamente un genere di reportage, capace di restituire un'efficace istantanea della vita urbana sviscerandone umori e colori, tragedie e piccoli “miracoli” quotidiani. Con Verso l'approdo#3 la street photography invaderà la Vecchia Dogana con tre mostre fotografiche che vogliono essere un primo momento di verifica per le ricerche estetiche e formali di quattro giovanissimi autori siciliani: "Strade - Visioni sulle orme del contemporaneo", con 20 fotografie di Stefania Di Filippo, "La strada, palcoscenico di vita", con 20 fotografie di Damiano Schinocca e "Strade di Fatih - La Istanbul dei luoghi comuni", con 20 fotografie di Simone Raeli e Simone Sapienza.

Stefania Di Filippo (Catania, 1982) racconta la strada come “porzione di spazio che acquista significato solo nella misura in cui viene percepito, vissuto e umanizzato. Queste strade non rimandano al concetto di orizzonte, di meta. Sono cronache erranti, si concentrano sul passaggio. Provano a raccontare la poesia dell'incedere, cristallizzano la stasi della metropoli, ci lasciano intuire i suoi silenzi. I passi scandiscono il ritmo di un presente urbano che a fatica si rivela, liberandosi dalla patina del consueto: così nascono queste visioni sulle orme del contemporaneo”.
Per Damiano Schinocca (Catania, 1988) gli scatti fotografici di questa mostra sono “un momento per riflettere, tra rimpianti e gioie, su cosa resterà di tante storie di gente semplice”.
Simone Raeli (Noto, SR, 1983) e Simone Sapienza (Catania, 1990) hanno concentrato la propria ricerca nel distretto Fatih di Istanbul, una zona lontana dai circuiti turistici e in cui ogni passo è un salto indietro nel tempo. Un'indagine sulla città turca e sui suoi luoghi comuni partendo dalla strada, luogo "comune” per eccellenza.

Nel corso della serata saranno inoltre proiettati alcuni video prodotti nell'ambito della street art e selezionati dalla redazione di TRIBEART - La Guida mensile alle arti visive siciliane.

TRIBE, nata a Catania nel 2003, è una realtà giovane e intraprendente specializzata nella comunicazione culturale. TRIBE è sinonimo di arte e cultura contemporanea siciliana: fra le iniziative vanta la produzione di TRIBEART, la prima free press dedicata agli eventi d’arte in Sicilia e TRIBENET.IT, uno dei primi portali in Italia a occuparsi di arti visive, oggi fusi in un unico progetto editoriale.