Verdi Armonie. I Giardini di Roma all’acquerello

Roma - 09/05/2019 : 09/06/2019

Un fantastico giardino all’interno della Casa – Museo Pietro Canonica di Villa Borghese Verdi Armonie. I Giardini di Roma all’acquerello: circa 60 acquerelli con i giardini di Roma realizzati da sette artisti contemporane

Informazioni

  • Luogo: MUSEO PIETRO CANONICA
  • Indirizzo: Viale Pietro Canonica 2 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 09/05/2019 - al 09/06/2019
  • Vernissage: 09/05/2019 su invito
  • Generi: disegno e grafica
  • Uffici stampa: ZETEMA

Comunicato stampa

La Casa Museo dello scultore Pietro Canonica, nella Fortezzuola che sorge nel cuore di Villa Borghese, di cui era originariamente il “gallinaro”, circondata dalla verde armonia di piante e pini marittimi, accoglie al suo interno la mostra “Verdi Armonie. I Giardini di Roma all’acquerello” dal 10 maggio al 30 giugno 2019.
Gli artisti Raffaele Arringoli, Emanuela Chiavoni, Fausta D’Ubaldo, Sergio Macchioli, Gabriella Morbin, Luisa Saraceni (Luz) e Silvano Tacus, realizzano, attraverso una serie di circa 60 acquerelli di vario formato, una articolata indagine sui giardini di Roma



La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e ideata e realizzata dalla Cooperativa Sociale Apriti Sesamo, è a cura di Stefania Severi e sarà inaugurata giovedì 9 maggio alle ore 12.00. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

La scelta dell’acquerello per realizzare le opere d’arte esposte in mostra è stata determinata non solo dalla specifica passione degli artisti che partecipano all’esposizione, ma anche dalla volontà di rendere omaggio a quella tradizione che fu tipica del Grand Tour, quando l’acquerello era lo strumento immediato per raffigurare i luoghi e portarne con sé il ricordo.
La curatrice, Stefania Severi, attraverso questi acquerelli ha voluto ricreare un fantastico giardino all’interno della Casa - Museo che documentasse come Roma debba andar fiera del suo patrimonio verde sempre in dialogo armonico col suo inestimabile patrimonio d’arte.

I giardini immortalati sono, tra l’altro, Villa Sciarra, Villa Doria Pamphilj e Villa Carpegna ma è indubbiamente Villa Borghese il giardino “ospitante” più rappresentato. Sono angoli spesso inediti della Villa che sicuramente inviteranno il visitatore a prolungare la passeggiata per andare a individuarli. Gli artisti, inoltre, hanno scelto vari filoni di indagine, dal mito alle fontane, dal verde alle architetture.
Fondamentale, a latere della mostra, è l’offerta di corsi gratuiti d’acquerello per adulti.

GLI ARTISTI

Raffaele Arringoli - È nato a Roma, dove risiede ed esercita la sua attività artistica dopo aver per anni svolto anche attività didattica nei licei artistici e negli istituti d’arte dello Stato. Ha tenuto il corso di acquerello nella Scuola delle Arti Ornamentali del Comune di Roma.
Emanuela Chiavoni - Architetto, è professore associato di Disegno presso la Facoltà di Architettura di Sapienza Università di Roma. Svolge attività di ricerca nell’ambito del Disegno e del Rilievo per la conoscenza del patrimonio architettonico e archeologico.
Fausta D’Ubaldo - Nata a Roma, si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti. Dal 1996 si è dedicata prevalentemente all’acquerello grazie agli insegnamenti del Maestro Pedro Cano partecipando a numerosi seminari in Italia e all’estero.
Sergio Macchioli - Disegnatore, inchiostratore di fumetti e grafico. Nel 1988 ha iniziato a dipingere ad acquerello da autodidatta, attratto dalle trasparenze di questo medium. Ha esposto i suoi lavori nelle principali manifestazioni di settore.
Gabriella Morbin - Nata a Vicenza, si trasferisce a Duisburg in Germania dove lavora come industrial designer. Stabilitasi a Roma, inizia l’attività artistica parallelamente all’attività didattica come insegnante di educazione tecnica presso la scuola media statale.
Luisa Saraceni - Nata a Padova, laureatasi a Venezia, ha iniziato una attività di pittrice e disegnatrice parallelamente agli interessi per la cultura francese con incarichi presso il Bureau Pédagogique. A Roma, dove da tempo vive, si è formata alla Scuola delle Arti Ornamentali del Comune di Roma. Lei stessa è diventata docente d’acquerello.
Silvano Tacus - Nato a Bolzano, architetto, coltiva da sempre la passione per l’arte e in particolare per il disegno e la pittura. Fra le sue opere importanti annovera la progettazione e la realizzazione del Museo Archeologico di Bolzano (Museo della Mummia del Similaun - Ötzi), il Museo del Turismo di Merano e il Museo delle Palafitte di Fiavè (Trento).

I CORSI DI ACQUERELLO PER ADULTI
I corsi sono rivolti al pubblico più vasto. È previsto il limite di adesione di 20 adulti per corso.
Nel mese di maggio i corsi si terranno dalle ore 10 alle ore 13 nei giorni: sabato 11 e sabato 18. Nel mese di giugno i corsi di terranno dalle ore 16 alle ore 19 nei giorni: sabato 1, mercoledì 5, sabato 15 e mercoledì 19.
I partecipanti, ammessi a seguito di prenotazione allo 060608, si incontreranno al Museo e, dopo una breve visita alla mostra, saranno accompagnati nel luogo della Villa scelto per l’esercitazione, sotto la guida degli artisti espositori che si avvicenderanno in qualità di docenti.
Per partecipare al corso l’attrezzatura richiesta è: scatola di colori, fogli per acquerello, pennelli e matita, supporto per dipingere all’aperto (cartone rigido o tavoletta), contenitore e bottiglia per l’acqua.

L’ingresso al Museo e la partecipazione ai corsi d’acquerello sono gratuiti